Si rompe il tubo: Olfino senz’acqua

Monzambano. Allarme alle 8, Sicam al lavoro: per lo scarico utilizzato un fosso

MONZAMBANO (Olfino). Nelle prime ore del mattino a Olfino, frazione di Monzambano, si è rotto un tubo dell’acquedotto: il centro abitato è rimasto senz’acqua. L’origine del danno va a ricercarsi nella rottura o nel difetto di una tubazione, oppure nell’aumento della pressione idrica a causa di un basso consumo, che ha provocato la fuoriuscita dell’acqua nella strada provinciale dei Colli nel tratto confinante con il ristorante di Conte Cipolla. Fortunatamente la perdita, benché importante, non ha non ha provocato grandi disagi alla viabilità, poiché non è stata invasa la carreggiata. Il fosso, infatti, era in ottime condizioni e ben pulito, permettendo così all'acqua di scorrere, rimanendo all'interno senza fuoriuscire.

Tutto è cominciato alle 8 del 10 febbraio, quando l’assessore Silvano Bompieri ha richiesto l’intervento della Sicam, azienda preposta al servizio idrico integrato dei Comuni dell’Alto Mantovano. I tecnici hanno delimitato l’area e collocato un impianto semaforico provvisorio a beneficio degli utenti. I lavori sono proseguiti per tutto l’arco della mattinata: gli operatori, dopo aver individuato il punto esatto dove intervenire, hanno aspettato lo svuotamento della condotta per poi ripristinare il normale funzionamento dell’acquedotto.


Nel frattempo, l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giorgio Cappa, ha informato la cittadinanza attraverso la pubblicazione di alcuni annunci comparsi anche sui social. L’operazione è terminata intorno alle 14, con la riattivazione dell’acqua e lo smantellamento del cantiere temporaneo.


 

Video del giorno

Mantova-Renate, soddisfatto mister Lauro: "Buona prova dei miei"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi