Spari contro un’auto parcheggiata

Il vandalo ha mirato al bagagliaio della Bmw X3 e poi ha tagliato tutti e quattro gli pneumatici. Indagini in corso

VIADANA. Una minaccia. Un avvertimento. O forse una bravata, come tutti si augurano. L’azione di un vandalo contro una bella auto, anche se non appena uscita dalla fabbrica. Tutte le quattro ruote tagliate e poi la botta finale: un colpo d’arma da fuoco contro il bagagliaio.

È giallo a Viadana su un episodio accaduto nella notte tra venerdì e sabato, quando qualcuno ha preso di mira una Bmw X3 parcheggiata in via Vigna, vicino alla sala giochi. I proprietari, una famiglia di origine calabrese da poco tempo residente a Viadana, si sarebbero accorti del fatto soltanto la mattina successiva.


Sembra che il colpo di pistola non abbia svegliato nessuno degli abitanti della strada né richiamato l’attenzione di qualche passante. Nessuno si è accorto di nulla. Per questo motivo è stato difficile, fino a questo momento, stabilire con precisione quando il vandalo si è avvicinato all’auto. Il proprietario ha raccontato ai carabinieri che l’auto era parcheggiata da qualche giorno: se però le ruote fossero state tagliate prima della notte tra venerdì e sabato, lo avrebbe notato. La sorpresa l’ha avuto sabato mattina quando è uscito di casa: la Bmw scura aveva tutte e quattro le gomme a terra. Impossibile pensare ad una casualità.

Si è avvicinato per controllare e ha visto che erano state tagliate, molto probabilmente con una grossa lama. Ma non è tutto.

Facendo il giro intorno all’auto, ha notato un foro sul portellone del bagagliaio, a sinistra, di fianco alla manopola con lo stemma della Bmw.

Dalle verifiche che sono state fatte anche con le forze dell’ordine, è risultato che il foro è stato provocato da un proiettile sparato da una pistola. I proprietari non hanno saputo fornire al momento indicazioni sul possibile movente del gesto, né hanno riferito sospetti.

Sono in corso le indagini dei carabinieri. Il dubbio pesante è sulla mancanza di testimoni: sembra impossibile che il rumore di uno sparo in piena notte non sia stato udito da nessuno.

Ancora più inverosimile se l’attacco all’auto si fosse verificato di giorno. (r.c.)

La guida allo shopping del Gruppo Gedi