Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bosco dei nuovi nati: asta deserta

Colpo di scena a Porto. Voi: «Il Comune non svenda l’area. Sarebbe una beffa»

PORTO MANTOVANO. Colpo di scena. Dopo mesi di polemiche, raccolta firme, consigli comunali, nessuno ha partecipato all’asta per la vendita del “bosco dei nuovi nati”. L’area in zona Ca’ Rossa sulla quale l’amministrazione del sindaco Massimo Salvarani puntava per raccogliere circa un milione di euro, fondi necessari alla sistemazione dell’area polivalente al Drasso Park è ancora invenduta.

Nessuno si è presentato per acquisire i 6.315 metri quadri di area piantumata con un albero per ognuno d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTO MANTOVANO. Colpo di scena. Dopo mesi di polemiche, raccolta firme, consigli comunali, nessuno ha partecipato all’asta per la vendita del “bosco dei nuovi nati”. L’area in zona Ca’ Rossa sulla quale l’amministrazione del sindaco Massimo Salvarani puntava per raccogliere circa un milione di euro, fondi necessari alla sistemazione dell’area polivalente al Drasso Park è ancora invenduta.

Nessuno si è presentato per acquisire i 6.315 metri quadri di area piantumata con un albero per ognuno dei bimbi venuti alla luce nel 2013. Una vendita che aveva profondamente turbato alcuni dei genitori, che avevano pubblicamente protestato e che vedeva contrarie le opposizioni consiliari.

Una raccolta di 700 firme di cittadini ed un ordine del giorno in consiglio non sono bastate a fermare la vendita che ora, però subisce una battuta d’arresto sabato quando a mezzogiorno nessuno si è presentato per l’acquisizione

«Ora che l’ asta per la vendita dell’ area verde pubblica denominata “bosco dei nuovi nati”, e’ andata deserta, ci auguriamo , anche a nome delle firme raccolte, che la giunta comunale, ora non pensi ad un ribasso d’asta per poterla vendere a “tutti i costi” – attacca il capogruppo d’opposizione Giampalo Voi –. Il danno per i nostri cittadini sarebbe doppio, oltre che per la perdita dell’ area verde, anche patrimoniale, visto il minor introito prevedibile con il ribasso del prezzo».

Il timore, quello del danno e della beffa, che fa proseguire nella critica voi: «Il voler ricercare, da parte dell’ Amministrazione, le risorse, ovvero i soldi a tutti i costi, ha portato a questo tentativo di vendita, ora fortunatamente naufragato. Come l’idea stessa, ancora in alto mare, della famosa sala polivalente con servizi e cucine al Drasso Park, che ora sembrerebbe solo “polivalente”. Che cosa in realtà voglia dire forse nemmeno gli stessi amministratori lo sanno, visto che in Consiglio Comunale, l’hanno definita, progettazione “in itinere”. Peccato – conclude il consigliere –che questa realizzazione in itinere, costi ai cittadini di Porto circa un milione di euro. Avere affidato l’incarico di progettazione, come è stato già fatto, ancor prima di aver definito che cosa si vuol costruire, è cosa ancor più grave».

Francesco Romani