In diretta su Rai Uno la messa-omaggio a don Primo Mazzolari

Le messe trasmesse da Rai Uno, con quella di domenica 11 marzoi, raggiungono quota tre. La prima volta fu nel 1986 e la seconda nel 2010 che, come quest' anno, ha visto protagonista la chiesa arcipretale- parrocchiale di san Pietro Apostolo a Bozzolo

BOZZOLO. Le messe trasmesse da Rai Uno, con quella di domenica 11 marzo, raggiungono quota tre. La prima volta fu nel 1986 e la seconda nel 2010 che, come quest' anno, ha visto protagonista la chiesa arcipretale - parrocchiale di san Pietro Apostolo a Bozzolo. È stato un bellissimo omaggio alla figura di don Primo Mazzolari.

Anche se la mattinata era appannaggio di una tipica giornata invernale, i bozzolesi sono accorsi numerosi per partecipare, come ogni domenica, alla messa delle 11. La troupe Rai di Bolzano, composta da 13 tecnici più 5 esterni, aveva approntato, all'interno, tre postazioni di rilevamento immagini oltre ad un potente impianto di illuminazione. A concelebrare la messa c’erano il parroco don Luigi Pisani con il suo vicario don Nicola Premoli, il presidente della Fondazione Mazzolari don Bruno Bignami e il sacerdote in quiescenza don Emilio Bini.


Ad accompagnare con canti e musica, in maniera veramente magistrale, c'era la corale parrocchiale "San Restituto" con 35 elementi, diretta dal maestro Daniele Dall' Asta, accompagnata dall'organista Claudio Leoni e dalla flautista Ester Mutti. Oltre alla nutrita presenza degli scout, gruppo "Bozzolo 1" erano presenti in seconda fila il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio, gli assessori Maria Luisa Pagliari e Pier Luigi Marcante oltre al maresciallo comandante la stazione dei carabinieri di Bozzolo, Pietro Ronconi. Confusi tra i fedeli c'erano alcuni componenti della Fondazione Mazzolari, tra i quali il segretario Giancarlo Ghidorsi e il tesoriere Francesco Melegoni.

Nella sua omelia don Luigi Pisani , rifacendosi al Vangelo ha detto: «Oggi è la domenica della gioia. Credere nella gioia è difficile in quanto la storia dell'umanità va verso la negatività, come scriveva don Primo Mazzolari in "Tu non uccidere" o come conferma Papa Francesco. Ma il vangelo ci dice che Dio è sempre presente; questa è la nostra speranza e la nostra gioia».

È’ stato un evento che ha richiamato alla memoria la visita del Pontefice nella stessa chiesa lo scorso 20 giugno. papa Francesco era giunto in elicottero da Roma a Bozzolo per rendere personalmente omaggio alla figura e alla memoria del "Prete dei poveri e dei lontani", qui sepolto. In attesa del responso del processo di canonizzazione già avviato.(Tullio Casilli)
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi