In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Roncoferraro ci crede: via al bando di gara per rilanciare il porto

In assegnazione oltre 17mila metri quadrati di banchine. L’assessore Scarpari: «Opportunità per le imprese»

di Francesco Romani
1 minuto di lettura

RONCOFERRARO. Rilanciare il porto fluviale comunale superando l’impasse nel quale è caduto grazie alla ripresa delle attività portuali. Una scommessa che vede impegnata l’amministrazione comunale del sindaco Federico Baruffaldi che ha deciso di assegnare a gara oltre 17mila metri quadri di banchine sul canale navigabile Mantova-mare.

Il Comune è concessionario dal 2007 dell’area demaniale e della banchina commerciale, situata in fregio al Canale Fissero Tartaro–Canal Bianco. Una concessione che durerà sino al 31 gennaio del 2027. Grazie ai finanziamenti europei, ha realizzato la banchina fluviale commerciale sull’area in concessione demaniale creando il porto di Governolo. La gestione del porto è in capo al Comune che quindi ha facoltà di assegnare gli spazi della banchina commerciale agli operatori interessati all’insediamento, con procedure di evidenza pubblica secondo il percorso amministrativo del “Comodato d’uso oneroso temporaneo”.

«Nei giorni scorsi - spiega l’assessore all'urbanistica e all’edilizia privata Francesco Scarpari - la nostra giunta ha deliberato la stesura di un bando per l’assegnazione delle aree di banchina portuale. Una superficie complessiva che interessa circa 17.450 metri quadri».

Sulle aree sono ammesse le attività di movimentazione di merci, le attività connesse alla logistica industriale (spedizioni, imballaggio, distribuzione e altro ancora) ed eventuali servizi accessori come uffici, ristoro; sono inoltre ammesse le attività connesse con la cantieristica navale e le attività produttive qualora garantiscano l'utilizzo dell’idrovia. Tutti i soggetti interessati dovranno presentare la richiesta di assegnazione utilizzando la modulistica scaricabile dal sito del Comune o della Provincia entro il prossimo 24 marzo 2018.

«Con questo bando - conclude l’assessore - abbiamo intenzione di incentivare imprenditori ad investire su un territorio economicamente dalle grandi potenzialità, ma dimenticato. E troppe volte finito agli onori della cronaca per una gestione non proprio oculata sia degli investimenti iniziali e sia per la gestione in fase d’esercizio. Visto che, come ha ricordato il sindaco, la banchina commerciale di Governolo è un’operazione da oltre un milione, che «al nostro Comune sta costando 800mila euro di mutuo a fronte di nessun ricavo, visto che il Comune non ha riscosso nemmeno l’affitto che gli sarebbe spettato di diritto».
 

I commenti dei lettori