Donna muore suicida sotto il treno

Tragedia alle porte della città, bloccata la linea ferroviaria Mantova-Milano

MANTOVA. La donna ha oltrepassato la sbarra del passaggio a livello. Poi, all’arrivo del convoglio, con un guizzo di disperazione si è piazzata in mezzo ai binari e si è fatta travolgere dalla motrice.

La scena agghiacciante è avvenuta sotto gli occhi di un automobilista fermo alla passaggio a livello di strada Morante, a poche centinaia di metri dall’abitato di Grazie di Curtatone. Mentre scriviamo l’identità della donna suicida non è ancora nota ma con buona probabilità si tratterebbe una giovane che risiede nella zona. Sulla dinamica dell’accaduto, dopo un primo intervento dei carabinieri di Curtatone, sta facendo accertamenti il personale della Polizia ferroviaria. Ma, visto quello che ha raccontato il testimone, sembrano esserci pochi dubbi sull’origine della tragedia, accaduta pochi minuti dopo le 16.55.


Il treno investitore è il regionale 2660 in partenza da Mantova alle 16.50 per Milano Centrale. Un centinaio i passeggeri che erano a bordo. Una volta bloccato, il treno non è più ripartito. I viaggiatori hanno dovuto attendere oltre un’ora per avere un pullman, arrivato da Bergamo, che li portasse via.



I disagi per chi ieri ha scelto il treno sono continuati con il regionale 2662, che parte da Mantova alle 18.50 e arriva a Milano alle 20.40: altro pullman navetta, il treno è partito non più da Mantova ma da Castellucchio. Soppresso il regionale 2663 che parte da Milano Centrale alle 19.15 e arriva a Mantova alle 21.

Soppresso anche il regionale 2646 in partenza questa mattina da Mantova alle 5.18 perché è lo stesso treno coinvolto nell’incidente di ieri pomeriggio a Grazie.
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Patrick Zaky, nel tribunale di Mansoura subito dopo l'annuncio del suo rilascio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi