Salgono le entrate del Parco del Mincio. Ok al rendiconto

Approvato, nei giorni scorsi, il consuntivo della gestione 2017. Le entrate accertate ammontano a 3.266.496 euro (erano 2.741.109 euro nel 2017)

MANTOVA. Il Parco del Mincio ha approvato, nei giorni scorsi, il rendiconto della gestione 2017. Le entrate accertate ammontano a 3.266.496 euro (erano 2.741.109 euro nel 2017), le spese totali impegnate di competenza a 3.264.201 euro, con un avanzo di 2.295 euro.

I contributi e trasferimenti in conto corrente (771.206 euro) sono riferiti a fondi ottenuti dalla Regione Lombardia per la gestione ordinaria dell’ente, ai quali si somma il contributo da parte degli enti della Comunità del Parco sempre destinato a finanziare l’attività ordinaria e rimasto invariato.


Tra le entrate extratributarie, in totale 92.952 euro, le voci più rilevanti sono riferite ad attività amministrative (riscossioni per il rilascio di atti, proventi da sanzioni amministrative), al recupero credito dell’Iva, ai proventi dalla biglietteria del parco Bertone, all’utilizzo della sala conferenze della sede amministrativa, proventi da privati per la giornata “Green Belt day” e per opere compensative.

Alla voce “contributi e trasferimenti di capitale”, incrementata di circa un terzo (1.405.196 euro a fronte dei 983.213 euro dell’anno precedente) figurano somme ottenute per la realizzazione di alcuni progetti: il più consistente è “Tessere per la Natura” (790.272 euro) con il quale si attuano interventi in 21 comuni, co-finanziato dal bando “Capitale naturale” di Fondazione Cariplo; interventi di riqualificazione di due ex cave con il contributo del Comune di Marmirolo; Mantova ciclabile; il progetto Interreg Med EcoSustain con il quale il Parco ha recentemente acquistato e posizionato quattro boe multiparametriche sui laghi di Mantova e nelle Valli del Mincio.

Le opere realizzate (concluse o eseguite) nel corso del 2017 vanno dal progetto “Dalla terra al fiume” (interventi di potenziamento del corridoio ecologico del fiume Mincio in prossimità di Mantova) alla manutenzione di percorsi naturalistici alle Bertone, a Castellaro Lagusello e Angeli-Belfiore, fino alle opere del progetto di valorizzazione dei siti Unesco “Le palafitte delle Colline Moreniche”.

Tra le nuove opere in corso: “Mantova ciclabile” raggiungere la città mediante eurovelo 7, bicitalia 1 e ciclovia risaie (che tra l’altro prevede il passaggio ciclopedonale sulla darsena di Porto Catena); il progetto transnazionale di collaborazione e scambio di buone pratiche finalizzate al mantenimento della biodiversità.

È stata infine approvata la variazione al bilancio di previsione del Parco per il triennio 2018-2020: si tratta di maggiori entrate per la Riserva Naturale di Pomponesco, per i recuperi ambientali di aree oggetto di escavazioni nel Comune di Marmirolo, in località Pozzolo, e per attività di comunicazione e partecipazione nel Parco.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi