I Cred estivi fanno boom. In aumento le iscrizioni

Comune, 271 bambini ai due doposcuola d’estate alla Ferrari e alla Frank. L’assessore Pavesi: tante le richieste, ne apriremo un altro alla Campogalliani

MANTOVA. Sono 271 i bambini dai 3 ai 6 anni d’età che frequenteranno, quest’anno, i due Cred estivi organizzati dal Comune. Un numero elevato di iscrizioni che ha indotto l’Amministrazione di via Roma ad attivare un terzo centro ricreativo estivo alla scuola materna Campogalliani di Valletta Paiolo, che si andrà ad aggiungere ai due già previsti alla Ferrari di via Conciliazione e alla Frank di Valletta Valsecchi.

RICHIESTE. «La decisione - spiega l’assessore alla pubblica istruzione Marianna Pavesi - è stata presa perché non riusciamo a coprire tutte le richieste pervenuteci. Quindi, abbiamo optato per un altro Cred in una scuola, la Campogalliani, recentemente ristrutturata come la Ferrari, in grado di mettere a loro agio i bambini anche d’estate grazie al nuovo impianto di condizionamento installato».


ATTIVITÀ. Le iscrizioni ai Cred estivi quest’anno hanno avuto un boom, che fa il paio con la costante crescita registratasi dal 2016. Allora i bambini che avevano scelto le attività ludiche del Comune erano 181, saliti a 250 l’anno successivo. «L’aumento costante delle iscrizioni - osserva l’assessore - rappresenta non solo il riconoscimento della qualità dei servizi offerti dal nostro Comune, ma anche la sempre maggiore richiesta, da parte dei genitori, di conciliare i tempi del lavoro con le attività scolastiche dei figli».

ORARI. Alla Ferrari e alla Frank le attività ricreative saranno dalla mattina sino alle 17.30, dal 2 luglio al 24 agosto per la prima e dal 2 luglio al 3 agosto per la seconda, su più turni, «ma siamo pronti ad allungare il periodo sino al 24 agosto anche per la Frank se ve ne fosse la necessità» assicura la Pavesi.

RINFORZO. Anche alla Campogalliani, il rinforzo dell’ultima ora, si potrebbe andare avanti sino al 24 agosto, ma fino alle ore 16, sempre che ci fossero molte richieste in questo senso da parte delle famiglie. Una settimana, poi, di chiusura per pulire i locali, e si riparte. L’obiettivo è quello di essere pronti ai primi di settembre per la ripresa della normale attività didattica, con l’inizio del nuovo anno scolastico, in tutte e tre le scuole materne. «Tutto quello che abbiamo messo in campo per l’estate - osserva la Pavesi - comporterà un maggiore impegno economico da parte del nostro settore, ma la priorità per noi è rispondere alle esigenze dei nostri concittadini più piccoli».

STANZIAMENTO. Il Comune per i Cred estivi, compresi quelli per i ragazzi più grandi fino ai 14 anni, ha stanziato 128mila euro, di cui 15mila solo per garantire le attività ricreative durante il periodo estivo ai giovani disabili. Fondi che serviranno per pagare sia le maestre delle scuole dell’infanzia comunali, «che mettono a disposizione una settimana delle loro vacanze per fornire questo servizio» ricorda la Pavesi, che le tante associazioni sportive e culturali, oltre alle cooperative sociali, che organizzano e garantiscono lo svolgimento delle tante attività ricreative rivolte ai bambini oltre i 6 anni d’età.

RAGAZZI. «Anche questi Cred sono molto frequentati - ricorda la Pavesi - ma per avere un numero sulle iscrizioni bisogna rivolgersi direttamente alle varie associazioni organizzatrici visto che sono loro a raccoglierle direttamente, e non il Comune».
 

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi