Crescita a due cifre per ricavi e utili del gruppo Pro-Gest

Sì del cda al bilancio consolidato 2017, in assemblea il 25. Zago: «I risultati positivi sono frutto degli investimenti fatti»

MANTOVA. Ricavi a 502 milioni di euro in crescita del 12% sul 2016, utile netto a 53,7 milioni con un incremento di oltre il 69% rispetto all’anno precedente: il consiglio di amministrazione di Pro-Gest spa, gruppo di cui fa parte anche la cartiera di Mantova nota come ex Burgo, ha approvato ieri il bilancio consolidato al 31 dicembre 2017.

«I positivi risultati consolidati dell’esercizio 2017 - ha commentato l’amministratore delegato Bruno Zago - confermano il trend degli anni precedenti. La crescita registrata dei ricavi a doppia cifra è il frutto dei significativi investimenti realizzati che hanno consentito al gruppo Pro-Gest di confermarsi tra i principali player del mercato. L’ecosostenibilità dei nostri imballaggi, ottenuti da materie prime riciclate, insieme alla rilevante e costante qualità degli stessi, si inserisce in un trend di crescita della domanda su scala mondiale e determina una crescente richiesta da parte dei nostri clienti sempre più attenti ai valori qualitativi ed ambientali».



I ricavi consolidati sono passati da 447,6 milioni di euro a 502: «Si conferma quindi il trend rialzista - si legge in una nota - che sta caratterizzando il settore degli imballaggi riciclati in cartone ondulato nell’area europea. In Italia questo settore cresce in misura inferiore, tuttavia i risultati di Pro-Gest confermano una crescita che premia particolarmente le politiche commerciali del gruppo».

L’Ebitda (margine operativo lordo) 2017 è di 114,5 milioni, pari al 22,81% dei ricavi e in aumento rispetto al 2016, quando era di 94,9 milioni, sia in termini assoluti, sia in termini relativi rispetto ai ricavi (nel 2016 era il 21,2% dei ricavi).

«L’aumento dell’Ebitda - prosegue la nota - è dovuto ad un trend positivo del mercato accentuato dalla struttura integrata del gruppo che ha consentito di cogliere in modo soddisfacente le spinte esterne e di contenere contemporaneamente i costi anche grazie ad un costante controllo della struttura dei costi aziendali applicata dal management del gruppo».

La posizione finanziaria netta consolidata presenta poi un valore di 238,5 milioni di euro in aumento rispetto ai 219,6 milioni riscontrati a fine 2016. Il gruppo al 31 dicembre 2017 contava infine 1.029 dipendenti rispetto ai 996 in organico al 31 dicembre 2016.

Il completamento dell’iter societario avverrà ora con la presa d’atto del bilancio consolidato da parte dell’assemblea che è stata convocata per il 25 maggio alle 18 nella sede legale di Pro-Gest spa a Istrana in provincia di Treviso.

In quell’occasione l’assemblea procederà anche all’approvazione del bilancio d’esercizio e delibererà sulla conseguente destinazione dell’utile.


 

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

La guida allo shopping del Gruppo Gedi