In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Brescia vieta la Goitese alle moto

«Troppe buche, è pericoloso». Off limits il tratto Castiglione-Montichiari. Deviazione su strade interne

di Francesco Romani
1 minuto di lettura

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Tempi sempre più duri per chi percorre la Provinciale Goitese. Dopo che sul versante mantovano da venerdì è scattato il limite massimo dei 50 orari da Mantova sino a Castiglione, ora da quello bresciano, giungono analoghi segnali di limitazioni al traffico veicolare. L’Amministrazione provinciale di Brescia ha emanato sabato 2 giugno un'ordinanza con la quale si vieta alle motociclette oltre i 50 centimetri cubici di cilindrata di percorre re il tratto di Montichiari, a ridosso del confine di Castiglione. Il motivo è il medesimo che sul Mantovano e lo si legge chiaramente nell’ordinanza: nella prolungata attesa che la nuova società Regione-Anas che dovrebbe prendere in carico le principali strade provinciali della Lombardia parta operativamente, è necessario aumentare i livello di sicurezza di chi percorre l’arteria, il cui fondo stradale è in più parti sconnesso.

Da Mantova a Castiglione, l’iniziativa della Provincia è stata ampiamente anticipata ed è partita dopo la posa della cartellonistica. Secondo i test effettuati dalla struttura tecnica del settore strade, la reale velocità di percorrenza, considerato il limite dei 50 già presente nei centri urbani, la condizione di degrado del manto stradale, ed il notevole traffico di veicoli pesanti (18mila al giorno secondo i dati statistici) era risultata di 458 km orari e l’abbassamento ai 50 orari non rappresenta, nei fatti, una forte penalizzazione degli utenti della strada. Ma la partenza di tre cantieri contemporaneamente (Crocevia di Medole e Guidizzolo per la costruzione della tangenziale e Marsiletti di Goito per l’asfaltatura, in questi giorni ha abbassato, nei fatti, la velocità di percorrenza a circa 40 orari. Ma cosa succederà ai motociclisti che volessero andare da Mantova a Brescia? Oltre all’andatura non superiore ai 50 orari in tutto il tratto mantovano, ci sarà da aggiungere la deviazione obbligatoria una volta arrivati a Montichiari. Si dovranno utilizzare le strade locali, con una ulteriore penalizzazione sulla percorrenza al punto che stime già ora indicano in oltre due ore la media che, invece per coprire i circa 60 km di distanza fra i due capoluoghi dovrebbe essere.

La nuova società Anas-Regione partirà? Per ora è presto per dare una data certa. Nell’attesa le Provincie interessate da arterie di notevole traffico si stanno attrezzando con divieti e abbassamento dei limiti in modo anche da minimizzare eventuali richieste di danni in caso di incidenti causati dal fondo stradale.
 

I commenti dei lettori