In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Marcegaglia fa spesa con la Novero spa. Più tubi in tre anni

Il gruppo di Gazoldo ha acquisito l’80% del capitale sociale. La produzione salirà da 12mila a 20mila tonnellate all’anno

1 minuto di lettura

MANTOVA. Marcegaglia rafforza la propria posizione nel core business del gruppo con l’acquisizione della Novero Spa. Il colosso di Gazoldo Degli Ippoliti, leader mondiale nella trasformazione dell’acciaio con un fatturato di oltre 5 miliardi di euro (2017), ha perfezionato l’acquisto dell’80% del capitale dell’azienda torinese, realtà produttiva sul mercato di rilevanza europea specializzata nella produzione di tubi trafilati. «L’acquisizione di Novero Spa – si legge in una nota dell’azienda – che fattura circa 20 milioni di euro con 80 dipendenti, rientra nel piano di rafforzamento» della principale attività del gruppo mantovano, che domina il mercato della trasformazione dell'acciaio con più di 5,6 milioni di tonnellate lavorate ogni anno.

Nel giro di tre anni, la partnership del gruppo Marcegaglia con la famiglia Novero, che continuerà a mantenere Massimo Novero nella carica di amministratore delegato della società, porterà la nuova Marcegaglia-Novero Spa a una produzione complessiva di oltre ventimila tonnellate di tubi trafilati all’anno, a fronte dei 12mila e cinquecento attuali, per un giro di affari superiore ai quaranta milioni di euro.

Riparte, dunque, dal Piemonte la corsa della Marcegaglia in attesa che si chiarisca la vicenda Ilva, dove il gruppo mantovano è in cordata con gli indiani di Arcelor-Mittal per rilevare la grande Acciaieria tarantina. Il termine fissato per l’acquisizione scadrà il 30 giugno. Resta, però, da chiudere l’accordo tra sindacati e azienda. A dividere le parti sono 3.800 esuberi, che il sindacato vorrebbe azzerare.

In attesa che il nuovo governo giallo-verde prenda in mano la questione, la Marcegaglia si rafforza con la Novero spa. Che oggi si estende su un’area di 70.000 metri quadrati, di cui 40.000 metri coperti e prevede ulteriori ampliamenti. La produzione di tubi trafilati a freddo di precisione saldati e senza saldatura in tutte le varietà di acciai al carbonio e di acciai basso e medio legati è destinata ad impieghi meccanici, oleodinamici, pneumatici, ed altri numerosi utilizzi.

Il gruppo di Gazoldo opera in tutto il mondo con 6.500 dipendenti, 60 unità commerciali e 21 stabilimenti, con 5,6 milioni di tonnellate lavorate ogni anno, servendo oltre 15.000 clienti.
 

I commenti dei lettori