È morto il detenuto che sabato scorso tentò il suicidio

E' deceduto in ospedale il detenuto del carcere di Mantova che sabato scorso aveva cercato di togliersi la vita in cella

Non ce l’ha fatta il detenuto del carcere di Mantova che sabato scorso aveva tentato di togliersi la vita in cella. L’uomo, poco meno che 30enne, è morto martedì pomeriggio nel reparto di rianimazione del Carlo Poma dove era stato ricoverato in gravissime condizioni subito dopo il ritrovamento.

Per farla finita il giovane detenuto aveva utilizzato i lacci delle scarpe. Quando è stato soccorso nella sua la situazione era già disperata.


Il dramma si era consumato sabato mattina nella casa circondariale di via Chiassi. L’uomo si trovava in carcere da pochi mesi, ma tanto è bastato per provocare in lui uno stato d’animo tale da voler chiudere con la vita. In suo soccorso sabato mattina intorno alle 10.30 erano arrivate in via Chiassi l’automedica del 118 con il rianimatore e un mezzo della Croce Rossa. All’arrivo dei sanitari il detenuto era già in coma, anche se il suo cuore batteva ancora.

Poi la corsa al Carlo Poma, durante la quale sono stati eseguiti vari tentativi di rianimazione, e l’immediato ricovero in terapia intensiva, dove i medici lo hanno tenuto sotto costante monitoraggio. Martedì pomeriggio è sopraggiunto il decesso.



Video del giorno

Covid, Marco Melandri ritratta: "Era una battuta, non mi sono fatto contagiare volontariamente"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi