In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Pesche a rischio per prezzi e maltempo

Coldiretti: «Due frutti lombardi su tre raccolti a Mantova. La grandine ha distrutto il 20% del raccolto»

1 minuto di lettura

MANTOVA. Prezzi non soddisfacenti e bizze del maltempo: la produzione mantovana di pesche è a rischio. Tanto che Coldiretti Mantova si chiede se «basterà la grande qualità a salvare la stagione». Il maltempo, con le grandinate tra fine maggio e inizio giugno, secondo le stime dell’associazione di categoria ha compromesso tra il 15% e il 20% della produzione. Poco prodotto ma di buona qualità: «Quanto stanno raccogliendo gli agricoltori da una settimana a questa parte ha un elevato grado zuccherino e per molti è la migliore stagione degli ultimi anni in termini qualitativi».

La differenza ora la faranno i prezzi, che sono partiti con quotazioni intorno ai 30-50 centesimi al chilogrammo all’ingrosso: «Valori superiori rispetto alla media dello scorso anno, che si è attestata sui 30-32 centesimi al chilo, al di sotto dei costi di produzione – dichiara Erminia Comencini, direttore di Coldiretti – e per molti questo sarà l’anno della verità: se le aziende non guadagneranno a sufficienza, dal prossimo anno avremo un calo delle superfici». Secondo le elaborazioni di Coldiretti Mantova, nel 2017 erano 142 gli ettari in produzione in provincia, per una produzione di 3.300 tonnellate: quasi due pesche su tre raccolte in Lombardia un anno fa erano Made in Mantova. Numeri più contenuti rispetto al 2007: undici anni fa la produzione di pesche era di 3.780 tonnellate.

Un patrimonio che rischia di assottigliarsi a partire dall’anno prossimo, e molto dipenderà dalla soddisfazione che saprà dare il mercato. Per ora i prezzi all’ingrosso si aggirano intorno ai 60 centesimi al chilo al mercato all’ingrosso di Bologna: la redditività è, quindi, superiore rispetto al 2017. I prezzi migliori li spuntano le aziende che fanno vendita diretta, in azienda o ai mercati di Campagna Amica. «Si aggirano tra 1,30 e 1,50 euro al chilo e la tendenza è a salire – spiega Amalia Ganda, un frutteto di 5 ettari a Rivarolo Mantovano – il maltempo ha ridotto produzione e pezzatura, ma la dimensione media è la più richiesta dai consumatori».


 

I commenti dei lettori