In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Dalla Regione 3,7 milioni Serviranno per i bus e la navigazione sul Po

La giunta regionale ha stanziato ieri delle somme consistenti per il trasporto pubblico e per la navigazione fluviale. All’Agenzia per il trasporto pubblico di Mantova e Cremona andrà un milione e...

1 minuto di lettura

La giunta regionale ha stanziato ieri delle somme consistenti per il trasporto pubblico e per la navigazione fluviale. All’Agenzia per il trasporto pubblico di Mantova e Cremona andrà un milione e mezzo di euro, tranche dei 18,7 milioni complessivi stanziati per acquistare in Lombardia 145 nuovi bus a bassa emissione inquinante. «La delibera – ha spiegato l’assessore ai trasporti e mobilità sostenibile Claudia Terzi – prescrive per i nuovi bus una serie di equipaggiamenti obbligatori per tutelare le persone disabili e le famiglie con bambini piccoli. Ogni mezzo, oltre alla postazione riservata ai disabili, dovrà contemplare strumenti per agevolarne l’accessibilità come una pedana manuale per l’incarrozzamento o un elevatore per carrozzelle».

Inoltre, gli autobus dovranno obbligatoriamente essere predisposti per la videosorveglianza «a tutela dei passeggeri e del personale viaggiante e per il conteggio dei passeggeri».

I bus dovranno avere anche il cablaggio per l’installazione di modem-router wi-fi in modo da consentire ai cittadini di navigare in rete agevolmente durante il viaggio.

Sul fronte della navigazione sul Po la giunta ha stanziato due milioni e 200mila euro. A Mantova arriveranno 700mila euro. Serviranno per intervenire su più fronti: ripristino delle sponde, sistemazione dei fondali con rimozione degli ostacoli alla navigazione, messa in sicurezza degli impianti, predisposizione dei dragaggi e verifiche statiche sui ponti di competenza della rete idroviaria. Opere che si vanno ad aggiungere a quelle già programmate o in corso di attuazione.

«Il soggetto attuatore degli interventi è Aipo, l’Agenzia interregionale per il fiume Po – ha sottolineato Terzi – ne beneficeranno come ricaduta sul territorio, la Provincia di Cremona e la Provincia di Mantova, anche in quanto gestori dei due porti commerciali lungo il sistema idroviario». —

I commenti dei lettori