Marmirolo: con tre euro ne vince 200mila, grattino fortunato al Rossetto

Il colpaccio di un cliente dell’edicola. Buona fortuna nel centro commerciale. L’ultima grossa vincita risale allo scorso giugno: un milione a San Giorgio

MARMIROLO. Buona fortuna di nome e di fatto. Nell’edicola tabaccheria del centro commerciale Rossetto di Marmirolo, la Buona fortuna gestita da Erika Astori, un cliente ha vinto 200mila euro con un gratta e vinci. Ha comprato il biglietto dei Numeri fortunati, con un investimento da 3 euro, e gli è andata bene: grattando ha scoperto la scritta che, almeno un po’, gli cambierà, se non la vita, quanto meno le vacanze estive. Non è la prima volta che la tabaccheria all’interno del centro commerciale Rossetto porta bene ai propri clienti. La dea bendata è passato da queste parti altre volte, ma i premi erano di 10 o 20mila euro. In ogni caso è bene ricordare che le vincite consistenti sono molto rare: a trionfare è sempre il banco.

La vincita di Marmirolo arriva a poco più di un mese di distanza dall’ultimo colpo di fortuna in provincia. A San Giorgio, a metà giugno, un cliente della tabaccheria Simonazzi di strada Legnaghese, giocando una schedina da un euro del nuovo gioco di Lottomatica Million Day si era portato a causa un milione di euro.


La vincita più grossa degli ultimi anni risale, però, a un anno fa: a fine gennaio 2017, un gratta e vinci da 20 euro acquistato nell’edicola tabaccheria di Marzia Villa al centro commerciale la Favorita ha fruttato ben cinque milioni. E cinque milioni erano stati vinti anche a maggio del 2015 con un Maxi miliardario alla ricevitoria del distributore Ies di via Brennero. Poi ci sono le vincite minori. Con un caso molto curioso. Lo scorso 4 maggio, nello stesso giorno, due persone hanno grattato e vinto: alla tabaccheria De Vincenzi di piazza Matteotti a Pegognaga sono stati vinti 300mila euro con un gratta e vinci e, sempre con lo stesso gioco, un cliente della tabaccheria Sottovoce di San Matteo delle Chiaviche, di euro ne ha vinti 500mila. Un po’ più indietro nel tempo, a febbraio 2016, con il gioco del Lotto sono stati vinti 700mila euro alla tabaccheria Lanzoni di viale Montello.

Per il record di soldi vinti nel Mantovano bisogna, però, tornare alla lira: il 29 settembre 1999, ad Asola, diciannove operaie della Filodoro portarono a casa 9 miliardi 732 milioni con una schedina del Superenalotto da 23.400 lire. A fine gennaio del 1998, un gruppo di amici, centrò, invece, il 6 al Superenalotto nella ricevitoria Creazzi di Mantova: vinsero 8 miliardi e 40 milioni.

Con l’arrivo dell’euro, degni di nota sono anche i 3 milioni 900mila euro vinti nel novembre 2011 da un cliente occasionale che, al bar tabaccheria Ferrari di Malavicina, grattò il Mega turista per sempre e si aggiudicò una rendita per 20 anni di 15mila euro al mese. A Rodigo, nella ricevitoria di Corrado Rossi, nel 2011 un 6 al Superenalotto fruttò, invece, un milione 800mila euro.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi