Lotta alle nutrie. Dalla Regione altri 200mila euro

I fondi vanno a sommarsi ai 250mila già previsti per finanziare l’eradicazione

MANTOVA. Nuovi fondi per affrontare l’emergenza nutrie: in assestamento al bilancio 2018–2020 la Regione stanzia altri duecentomila euro, che vanno a sommarsi ai 250mila già previsti per finanziare l’eradicazione. Così dopo che l’assessore al Bilancio Davide Caparini ha fatto proprie le proposte dei diversi gruppi e presentato un suo emendamento, approvato dall’Aula.

Soddisfatti i consiglieri mantovani. «È chiaro che a breve serviranno politiche nette ed energiche perché questo grave problema per la nostra agricoltura sia debellato. Si dovrà assicurare un approccio omogeneo al problema su tutte le aree interessate» scandisce Alessandra Cappellari (Lega), che con un suo emendamento aveva chiesto proprio 200mila euro in più per l’eradicazione delle nutrie. E che plaude al coinvolgimento di 350 sindaci avviato dall’assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi.


«Ringraziamo l’assessore Caparini per l’impegno – dichiara la consigliera Antonella Forattini (Pd) – anche se lo stanziamento necessario sarebbe più elevato e noi avevamo chiesto 400mila euro. Il solo fatto che diversi gruppi abbiano chiesto fondi per l’eradicazione delle nutrie testimonia quanto questo sia un problema sentito da parte dei territori agricoli della Lombardia. Senza l’impegno economico della Regione la lotta alla nutria è velleitaria».

«È una cifra molto importante – osserva Andrea Fiasconaro (M5S) a proposito dei 200mila euro – anche se avremmo voluto ancora di più. Ci auguriamo che siano investiti al meglio per dare una mano alla nostra agricoltura. I dati ci dimostrano che la questione sia da affrontare con ulteriori risorse». —
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Cosa si aspettano i mantovani dal futuro governo / 1 - Grande Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi