«Una vita di disagi».Ora i pendolari bussano in Procura

Utp e InOrario scrivono  ai magistrati di Mantova e Cremona per essere convocati. Ma frenano la rabbia: no all’occupazione dei binari