Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sette sacchi di rifiuti in tre ore di attività delle Giubbe Verdi

San Martino dall’ArgineNell’ultima uscita sulle rive dell’Oglio, i volontari delle Giubbe Verdi hanno raccolto sette sacchi di rifiuti in tre ore di attività. Un’attività che non sarebbe la loro, ma...

San Martino dall’Argine

Nell’ultima uscita sulle rive dell’Oglio, i volontari delle Giubbe Verdi hanno raccolto sette sacchi di rifiuti in tre ore di attività. Un’attività che non sarebbe la loro, ma alla quale si dedicano per amore del fiume. «Spesso i volontari si trovano sulle spiagge dell’ Oglio per attività di perlustrazione o per raccogliere dati per censimenti regionali, come l’ultimo dedicato alle libellule, e purtroppo si imbattono in rifiuti abbandonati o trascinati dal fiume» spieg ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

San Martino dall’Argine

Nell’ultima uscita sulle rive dell’Oglio, i volontari delle Giubbe Verdi hanno raccolto sette sacchi di rifiuti in tre ore di attività. Un’attività che non sarebbe la loro, ma alla quale si dedicano per amore del fiume. «Spesso i volontari si trovano sulle spiagge dell’ Oglio per attività di perlustrazione o per raccogliere dati per censimenti regionali, come l’ultimo dedicato alle libellule, e purtroppo si imbattono in rifiuti abbandonati o trascinati dal fiume» spiega Emanuela Bottoni, presidente dell’associazione, che si occupa di protezione animale e ambientale.

Armati di sacchi, guanti e corde, le Giubbe Verdi raccolgono ciò che gli incivili lasciano sulle spiagge e lungo gli argini. Si tratta soprattutto di abbigliamento, scarpe, ciabatte, bottiglie di vetro, lattine e plastica. Ma spesso si trovano utensili da cucina, barili, pneumatici. I volontari li mettono nei sacchi, a volte dopo aver scavato nella sabbia, e poi i sacchi vengono ritirati da un addetto del servizio speciale creato dai Comuni di San Martino dall’Argine, Marcaria e Gazzuolo. «In questo modo non ritornano in acqua e non finiscono nel Po». —

S.P.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI