Alla cooperativa Opas 4,9 milioni di euro per la filiera suinicola

Dal benessere degli animali alla qualità dei prodotti. Il progetto coinvolge il salumificio Beretta e dieci aziende

MANTOVA. C’è anche un progetto mantovano tra i sei progetti lombardi di filiera che saranno finanziati da Regione Lombardia con trenta milioni di euro nell’ambito del Programma di sviluppo rurale.

“Opas e Beretta: filiera lombarda suinicola garantita al consumatore” è il titolo del progetto, che ha come capofila proprio la cooperativa mantovana Organizzazione prodotto allevatori suini (Opas), con sede legale a Tripoli di San Giorgio: progetto che ha meritato il finanziamento più alto, pari a 4,9 milioni. I partner sono il salumificio Fratelli Beretta, dieci aziende agricole e Assocom.


In pillole, sono cinque gli obiettivi del progetto di Opas e Beretta: sostenibilità e remunerazione del comparto suinicolo; miglioramento del benessere animale (abolizione taglio coda, valutazione castrazione e arricchimenti ambientali per suini); riduzione uso antibiotici; garantire la tracciabilità del prodotto (inserimento aziendale in una filiera integrata); qualità e salubrità dei prodotti; riduzione impatto ambientale; aumentare il livello di sicurezza dei lavoratori.

Tra le operazioni già attivate, il salumificio Fratelli Beretta ha realizzato due nuove linee di confezionamento per la gamma “Premium” (affettati e antipasti), e le dieci aziende agricole coinvolte hanno investito in diversi interventi. Tra gli altri, la costruzione e la ristrutturazione di stalle per i suini, la costruzione di strutture di stoccaggio, di impianti per la riduzione dell’azoto, e il recupero dell’acqua piovana.

Nell’elenco delle cose già fatte anche un progetto di ricerca sulla riduzione dell’impatto ambientale degli allevamenti di suini, con capofila Assocom e Università di Bologna.

«Le imprese agroalimentare lombarde aspettavano queste risorse. Lo stanziamento complessivo è di trenta milioni di euro, investiti con l’obiettivo di sviluppare interi comparti e valorizzare le produzioni agroalimentari di qualità – commenta l’assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi – Il progetto integrato coinvolge una pluralità di soggetti aggregati per concretizzare un sistema, perseguire obiettivi e realizzare iniziative di sviluppo dell’intera filiera. Incentivare progetti integrati significa promuovere una visione strategica e incrementare gli effetti degli investimenti realizzati dalle singole imprese».

Gli altri progetti finanziati da Regione Lombardia riguardano la filiera lattiero casearia, su Cremona e Sondrio, e dei prodotti orticoli, su Bergamo e San Giuliano Milanese. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Elezioni 2022: i 9 mantovani aspiranti candidati per l'alleanza Sinistra italiana-Europa verde

La guida allo shopping del Gruppo Gedi