La Festa dell’Unità sfida il pignoramento. Si farà in auditorium

La manifestazione si terrà negli spazi gestiti dall’Arci. Il programma si snoda su due weekend a fine settembre 

SUZZARA . La Festa dell’Unità al parco “La Quercia” di viale Lenin si farà. E si svolgerà nell’arco di due fine settimana: da venerdì 21 a domenica 23 settembre e da giovedì 27 a domenica 30 settembre. A organizzarla è il circolo Pd di Suzzara: dibattiti e spettacoli si svolgeranno rigorosamente all’interno dell’auditorium con annesse le cucine, dove ha ancora giurisdizione l’Arci Airone. E qui saranno anche gli stand gastronomici.

Suzzara, quindi, avrà ugualmente la sua Festa dell’Unità, anche se non a cavallo tra luglio e agosto come accadeva dal 1991. La caparbietà di Massimiliano Artoni, segretario del circolo Pd di Suzzara, che organizza la festa insieme con una quarantina di volontari, è stata premiata. La notizia si è diffusa durante la Festa dell’Unità dell’ormai unica roccaforte “rossa”, Tabellano, che si è appena conclusa. Nei giorni della festa, caratterizzata da grande successo sia del ristorante sia dei dibattiti e degli spettacoli, è spuntato un volantino che annunciava la festa al parco “La Quercia”.

Molti cittadini si sono stupiti, perché sanno che l’area dove solitamente il partito, sia esso Pci, Pds, Ds e Pd, organizzava la manifestazione, è stata pignorata da Mps banca e quindi giudicata off- limits. In realtà il procedimento non è ancora partito e prima che il parco passi di mano alla So.Ve.Mo per essere messo all’asta, il circolo Pd si è accordato con l’Arci per organizzare i sette giorni di Festa nell’auditorium, suddivisi in due weekend.

«Il programma della festa non è ancora stato definito – ha detto il segretario Artoni – ma ci siamo impegnati per dare a iscritti, militanti, sostenitori, oltre che ai cittadini che ci vogliono venire a trovare, momenti di aggregazione, di svago e di confronto accompagnati da piatti della nostra tradizione culinaria e a base di pesce di mare».

A partire da domenica 7 ottobre, inoltre, l’auditorium del parco “La Quercia” ospiterà anche una rassegna di commedie dialettali organizzata da un privato: lo stesso che per marzo 2019, organizzerà il primo concorso canoro. Il tutto dietro il pagamento di un affitto da versare all’Arci Airone che, a sua volta, organizza anche serate danzanti.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi