Lite furiosa tra inquilini. E nella notte compare la minaccia sul muro

Il Comune: "Ora basta, scattano provvedimenti disciplinari". De Marchi: "A cosa serve il portierato se accadono cose simili?"

Litigi pesanti e ricorrenti, tanto da richiedere l’intervento di carabinieri e polizia per calmare gli animi. Poi una frase minacciosa in arabo scritta nella notte tra martedì e mercoledì con lo spray vicino alla porta dell’appartamento di uno dei due contendenti. Nel complesso abitativo di Palazzo del Mago, dove ci sono più di ottanta alloggi comunali, la tensione è alle stelle. Tanto che il Comune, di concerto con Aster (che amministra il patrimonio abitativo di via Roma), sta valutando pesanti sanzioni disciplinari nei confronti dei protagonisti, uno di nazionalità italiana e l’altro tunisina. «Provvedimenti che non escludiamo possano arrivare alla perdita dell’alloggio» spiega l’assessore al welfare, Andrea Caprini.

Sull’accaduto chiede chiarimenti anche il consigliere comunale Luca De Marchi (Fratelli d’Italia) che sta preparando un’interpellanza.


Ma cosa sta succedendo nel più grosso complesso abitativo di proprietà comunale in centro? Difficile ricostruire con precisione la successione degli eventi. Sembra in ogni caso che tra le due famiglie, che abitano in appartamenti vicini, da tempo ci sia un clima pesante.

Martedì è scoppiato l’ennesimo litigio tra i due uomini. «Alla lite ha assistito un operatore di Aster che lavora allo sportello sociale istituito nel palazzo - riferisce l’assessore - non è riuscito a calmare i due ed è stato costretto a chiamare i carabinieri. La scritta con la frase minacciosa, apparsa il giorno successivo, ora è stata cancellata. Stiamo ricostruendo l’intera faccenda, ma è stato superato i ogni limite. Oltre all’atto di vandalismo, che ha un costo, il comportamento di questi due inquilini sta creando grossa apprensione negli abitanti del palazzo ».

De Marchi racconta di aver raccolto la testimonianza preoccupata della moglie di uno dei due. «Non sta a me ricostruire le responsabilità - spiega - ma è inammissibile che accadano cose del genere in un palazzo dove il Comune ha speso 50mila euro per il portierato sociale. Chiederò conto dell’efficienza di questo progetto, l’elenco degli stranieri residenti e gli eventuali precedenti di tutti gli inquilini». —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mantova: incendio di piumini vicino alla fermata del bus della scuola

La guida allo shopping del Gruppo Gedi