In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Nuovi alloggi e maxi terrazza. Aspef investe in benessere

Intervento da 270mila euro: anche il restyling dell’ingresso e il sistema domotico. Il presidente Fiorani: «Nuovi concetti per sentirsi ancora di più a casa propria»

Luca Scattolini
1 minuto di lettura

MANTOVA. Restyling dell’ingresso, tre nuovi mini alloggi protetti e una maxi terrazza fiorita. Nuovo look per la sede Aspef di piazzale Michelangelo attraverso un investimento di 270mila euro che ne ha letteralmente cambiato il volto. Ieri mattina taglio del nastro alle presenza del presidente Vinicio Fiorani, con il cda al completo, del sindaco Mattia Palazzi e degli assessori comunali Nicola Martinelli e Andrea Caprini.

I tre nuovi alloggi adiacenti alla residenza sanitaria assistenziale Isabella d’Este rappresentano un servizio a carattere permanente e continuativo dove l’utente può sentirsi «a casa propria» grazie ad elementi di sicurezza strutturali e psicologici, una risposta al bisogno abitativo delle persone con fragilità. Sono tutti arredati con particolari accorgimenti per la vivibilità interna. «Le singole unità immobiliari sono state realizzate tenendo conto delle condizioni di sicurezza dell’anziano e vengono garantite da un sistema domotico» spiega il dottor Fiorani.

Un suggestivo colpo d’occhio è arrivato dalla realizzazione della nuova terrazza fiorita di 265 metri quadrati sopra gli alloggi e che consentirà agli ospiti di trascorrere momenti di socializzazione nei mesi primaverili ed estivi. Il tutto realizzato dopo la demolizione della rampa che dava l’accesso da piazzale Michelangelo. Il momento è stato utile anche per tracciare un bilancio dell’attività di Aspef in quest’ultimo periodo: «Ricordiamo – ha concluso il presidente – il completamento della farmacia Due Pini e il parcheggio antistante, l’inaugurazione del centro di aggregazione giovanile e del bar di Lunetta. Nei prossimi giorni nascerà un Aspef Point per informazioni e accoglienza, accanto alla farmacia di piazzale Gramsci». —

LUCA SCATTOLINI

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
 

I commenti dei lettori