Polmoniti: ricoverato un 40enne di Cavriana

Al momento restano cinque le morti, tra sospette e certe, legate alla legionella

CASTIGLIONE-ASOLA. In attesa degli esiti delle autopsie sui due morti di Remedello, Gino Daldoss, di 90 anni, e Fabio Bignozzi, di 57, la Procura di Brescia ha escluso che negli ultimi altri due decessi di malati di polmonite batteriche la causa fosse legata alla legionella.
 
Restano quindi 5 le morti, fra sospette e certe, legate al batterio che provoca la polmonite e che potrebbe essere stato ampiamente diffuso in zona dalle torri di raffreddamento industriali e da coincidenze climatiche al punto da provocare fra Mantova e Brescia 550 malati. Per uno di questi, un 80enne di Montichiari, è stata ieri certificata la legionellosi.
 
Ricoverato, invece, da mercoledì 26 settembre al San Pellegrino di Castiglione un 40enne colpito da polmonite residente a Cavriana. Infine il Comune di Remedello ha ufficialmente chiesto all’Ats di controllare lo stato dell’ex depuratore di Visano, individuato come possibile sbocco del maxi-depuratore del Garda.
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Per gli orsi marsicani è iniziata la stagione degli amori: il corteggiamento ripreso nel Parco Nazionale d'Abruzzo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi