Castiglione, appello per palazzo del Principe: «Gli affreschi sono da salvare»

L’iniziativa del presidente dell’Anpi potrebbe sfociare in un comitato. Di tutta la serie di dipinti che abbellivano la facciata resta un solo pezzo

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Affreschi del 1400 da restaurare. È questa la sfida lanciata da Claudio Martinetti, presidente e fondatore dell'Anpi di Castiglione delle Stiviere, una sfida che presto potrebbe diventare un comitato per promuovere il recupero e il restauro di quanto resta della facciata di palazzo del Principe. Poco distante da piazza Dallò si trova palazzo del Principe, fino a pochi anni fa edificio noto perché sede del tribunale. Sulla facciata c’è un affresco ormai completamente rovinato.

Di tutta la serie di affreschi che abbellivano la facciata resta oggi un solo pezzo. Si tratta della Madonna della Lanterna, un affresco del 1400-1500, che oggi è quasi del tutto scomparso. Della bellezza originaria di quell'affresco resta un’unica traccia nel volume “Considerazioni intorno ai ritrovamenti del palazzo del Principe in Castiglione delle Stiviere”, edito dalla Calzoni editore, e scritto da Mario Martinetti.
Il figlio di Mario Martinetti, Claudio, presidente dell’Anpi di Castiglione, ha lanciato un appello per recuperare questo affresco. «Questi affreschi sono stati riportati alla luce nel 1965 nel corso dei lavori di restauro della facciata del palazzo».

Di questi affreschi resta poca traccia ma, continua Martinetti, «ancora visibili, pur se rovinati, ci sono i resti della Madonna dal ricco abito che reca in grembo il bambin Gesù. Per i castiglionesi si tratta della Madonna della Lanterna perché c’è raffigurata una lanterna che illumina la scena. Di fronte alla Madonna si trova san Giovanni Battista con in mano una croce».
Martinetti ricorda anche gli altri affreschi che al momento non sono più visibili, ma nel caso della Madonna, che è ancora in parte visibile, il presidente dell’Anpi chiede attenzione e, soprattutto, un intervento. «Spero in un intervento della sovrintendenza di Mantova per il restauro del gruppo della Madonna, l’unico pezzo di affresco che rimasto e ha resistito all’incuria. Mi auguro anche che si possa creare un comitato che possa prendere a cuore la situazione e possa muovere tutte le pedine per far intervenire chi di competenza per recuperare questo affresco».

«Palazzo del Principe - conclude Martinetti - è un edificio storico importante per Castiglione, costruito nel 1400 e affrescato nei secoli a venire, e cioè fra il 1400 e il 1600». Martinetti, sulla scia di quanto fatto per la statua di piazza Dallò, auspica che si possa attivare un Art Bonus anche per questi affreschi, oppure tentare di rimuoverli e farli conservare in una sede museale o, come è accaduto per altri affreschi, all'interno del municipio. Nel mentre, dunque, Martinetti vuole dare vita a un comitato per salvaguardare questo affresco. —

 

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi