Le studentesse nelle terre della camorra

Le ragazze di 4ª del Bonomi hanno soggiornato e lavorato in una maglieria ricavata dalla confisca della residenza di un boss dell’Avellinese

MANTOVA. Una settimana in Campania tra i beni confiscati alla Camorra. È l’esperienza vissuta da tredici studentesse al quarto anno dell’indirizzo moda dell’istituto Bonomi-Mazzolari accompagnate dalle professoresse Maria Regina Brun e Daniela Verzola. Le ragazze sono state ospitate dal maglificio “100Quindicipassi”, ex residenza del boss Antonio Graziano a Quindici in provincia di Avellino. Una villa simile ad un fortino inaccessibile dove tutto, per proteggere il boss, era stato blindato, finestre comprese.

Il maglificio oggi è gestito dalla cooperativa sociale “Oasi Project” aderente a Libera. Durante la permanenza, grazie anche al supporto dell’attrice Ilaria Scarano, le studentesse hanno imparato a riciclare delle magliette convertendole, con intrecci vari, in shopping bag, e a trasformare altro materiale di scarto in confortevoli cuscini. E si sono rimboccate le maniche per riqualificare gli spazi eterni del Maglificio impegnandosi in special modo a ridipingere le panchine.


Durante il soggiorno hanno avuto poi modo di incontrare e confrontarsi con cittadini e rappresentanti delle istituzioni locali e apprendere le storie di vittime innocenti delle mafie, come il 26enne Nunziante Scibelli, vittima innocente della camorra, assassinato in un agguato tra due clan rivali, alla cui memoria è stato dedicato il maglificio “100Quindicipassi”. E poi la visita di un altro bene confiscato alle mafie, a Castelvolturno in provincia di Napoli: un caseificio che produce mozzarelle di bufala dop campana e altri formaggi bio. Ecco le alunne che hanno partecipato: Anna Aldrighi, Sara Amicabile, Marzia Bonatesta, Linda Hu, Francesca Lambertini, Denise Rad, Beatrice Roveda, Vilma Shechi, Giulia Senno, Mavi Singh, Islem Sallami, Rachel Vernizzi, Chiara Zaffanella. B.R.




 

Video del giorno

Omnia Mantova - La Shoah della nostra città

La guida allo shopping del Gruppo Gedi