Morto un 56enne, sospetta legionella

L’epidemia di polmoniti batteriche continua a mietere le sue vittime. Il 15 ottobre all’ospedale civile di Brescia è deceduto un 56enne che era stato ricoverato in seguito ad una infezione polmonare. È stata disposta l’autopsia per accertare le cause

CARPENEDOLO (Bs). L’epidemia di polmoniti batteriche continua a mietere le sue vittime. Lunedì sera all’ospedale civile di Brescia è deceduto un 56enne che era stato ricoverato in seguito ad una infezione polmonare. È stata disposta l’autopsia per accertare le cause. Il sospetto è che si tratta di legionella, il batterio ritrovato in tre torri di raffreddamento nel Bresciano e che è ritenuta dal pool di esperti che hanno studiato il caso, uno dei principali veicoli di diffusione della pandemia che ha colpito l’area fra Bresciano e Mantovano corrispondente alla valle dell’Oglio. Epidemia che sinora ha contagiato per polmoniti batteriche qualcosa come 750 persone nel periodo fra il 25 agosto e lo scorso 10 ottobre, ovvero il doppio di quelle attese con una media di un caso all’ora nel periodo di picco. Di queste, 56 sono casi accertati di legionella e 2 le vittime certe. —
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi