In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mantova, alloggi abusivi di Borgonuovo: completato lo sgombero

L’amministratore dei condomini di via Gaber ha fatto svuotare gli appartamenti occupati illecitamente per anni. Ora parte la riqualificazione

1 minuto di lettura

MANTOVA. Sono stati sgomberati gli alloggi occupati abusivamente nei condomini di via Gaber a Borgonuovo, il quartiere costruito nell’ambito del vecchio Pru di Borgochiesanuova.

Ai lati di un cortile che si affaccia sulla strada, sono stati ammucchiati, in questi giorni, i mobili con cui gli inquilini che si erano impossessati illecitamente di quegli appartamenti vuoti avevano arredato quelle che ormai erano diventate le loro case. Con tanto di allacciamenti - anche quelli abusivi - a gas, acqua ed energia elettrica.

Gli abusivi, sia single che famiglie, sono ormai stati allontanati da tempo dagli appartamenti e quasi tutti affidati ai servizi sociali dei Comuni di residenza (capoluogo ma soprattutto paesi limitrofi alla città). Quello che l’amministratore condominiale ha fatto in questi giorni è stato semplicemente lo svuotamento degli alloggi.

L’immagine offerta agli abitanti (regolari) del quartiere e delle palazzine circostanti non è delle migliori, visto che in certi momenti il cumulo di mobilia (ma c’erano anche molti rifiuti) ha raggiunto dimensioni notevoli.

Si tratta però di un’operazione del tutto regolare e il materiale raccolto viene progressivamente avviato in discarica. Gli addetti allo sgombero hanno dovuto svuotare una decina di appartamenti e diverse autorimesse riempite con materiale di ogni sorta, spazzature comprese. Insomma, hanno trovato di tutto. «Abbiamo fatto delle verifiche anche noi - spiega l’assessore alla polizia locale, Iacopo Rebecchi - perché ci era stata segnalata quella situazione. Ma è tutto regolare. L’amministratore ha predisposto il piano di sgombero in accordo con Tea. Inevitabile, visto la quantità di materiale di cui liberarsi, che si formino anche degli accumuli di notevole dimensione. Ma il tutto viene progressivamente mandato nei centri di raccolta della Tea».

Lo sgombero è un passaggio obbligatorio nel percorso che il liquidatore dell’immobiliare proprietaria di quelle palazzine vuote - Le Robinie - ha intrapreso per rimettere sul mercato gli appartamenti e riqualificare quella zona del quartiere. A questo punto, l’operazione di recupero dovrebbe entrare nel vivo.
 

I commenti dei lettori