Ponte messo alla prova. Fatte le verifiche: attesa per il verdetto

Tecnici al lavoro per capire le reali condizioni del manufatto. Restano in vigore il divieto ai mezzi pesanti e il limite dei 50

SERMIDE E FELONICA. Il ponte di Sermide è stato sottoposto alle prove di carico, una procedura per stabilire se la struttura sia compromessa. Sull'infrastruttura che collega Sermide a Castelnuovo Bariano sono state fatte alcune verifiche statiche, chiudendola al traffico. L'intento è quello di capire quali siano le reali condizioni del manufatto e se esistano rischi per la stabilità. Nei prossimi giorni si conosceranno i risultati.

In questi casi la struttura viene sottoposta a sforzi, vengono fatte prove di carico via via crescenti. Attraverso appositi sensori, posizionati in punti strategici, vengono analizzati i movimenti degli elementi portanti, per capire se esistano rischi, se la struttura sia lesionata o compromessa in determinati punti e in quale misura. Si tratta di una fotografia della situazione sulla quale basarsi per poi realizzare eventuali interventi di rinforzo o di adeguamento.


La misura è stata disposta dalla Provincia di Rovigo, in accordo con quella di Mantova: i due enti si divideranno le spese.

Attualmente sul ponte sono state imposte alcune prescrizioni, come il divieto ai mezzi pesanti che superano le 44 tonnellate di peso e il limite dei 50 all'ora per tutti gli altri veicoli. Tutto era iniziato quando i tecnici avevano rilevato una fessurazione sul plinto di fondazione su cui poggia il pilastro situato sulla sponda rodigina, lungo la scarpata dell'argine maestro.

A seguito della tragedia di Genova sono scattate le verifiche in tutta Italia su ponti e viadotti; sul ponte di Sermide era stata registrata questa fessurazione. Subito la Provincia di Rovigo aveva emanato un'ordinanza che imponeva limitazioni al traffico pesante, subito seguita da Palazzo di Bagno. In attesa di sottoporre il ponte a delle verifiche statiche. Verifiche statiche che sono state eseguite ieri, in base all'esito si deciderà come agire sul manufatto.

La speranza è che i risultati siano tranquillizzanti, considerata anche la situazione globale dei ponti sul Po nella zona del Basso mantovano, il ponte di San Benedetto da tempo è chiuso ai camion, l'unico che non presenta problemi statici è quello di Ostiglia, la cui carreggiata risulta comunque molto stretta.

Nei prossimi giorni si conosceranno i risultati delle prove di carico e le Province decideranno il da farsi, nel frattempo già ieri sera il ponte è stato riaperto, mantenendo le limitazioni già in vigore.

GIORGIO PINOTTI. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI .

Video del giorno

Metropolis/13, Folli: "Se fossi Salvini ci penserei due volte a candidare Casellati"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi