In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il nuovo corso di Aspef: farmacia non-stop e sportello informativo

«Un punto di riferimento per i servizi sociali e sanitari». E da domenica 18 novembre sarà possibile acquistare i farmaci 7 giorni su 7

1 minuto di lettura

MANTOVA. «Vogliamo garantire ai cittadini una farmacia di riferimento aperta sette giorni su sette, un valore aggiunto anche per i non residenti che si rivolgono alle strutture sanitarie della città». Così il presidente di Aspef, Vinicio Fiorani, a proposito della farmacia comunale di piazzale Gramsci, che da domenica 18 novembre  sarà sempre aperta, comprese le domeniche e i festivi, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30. Non solo: sono stati inaugurati ieri, in sinergia con il Comune, i nuovi spazi accanto alla farmacia che accoglieranno i servizi domiciliari e l’Info Aspef.

In collaborazione con le associazioni di volontariato, il nuovo servizio offrirà ai cittadini un punto di riferimento dove attingere informazioni sui servizi sociali, sanitari e socio-sanitari erogati dalle strutture di Mantova. Uno sportello al quale il cittadino potrà rivolgersi per orientarsi nei percorsi di assistenza nella città: il servizio sarà aperto dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.

Insieme a Fiorani, al taglio del nastro sono intervenuti il vicesindaco Giovanni Buvoli, gli assessori Nicola Martinelli e Andrea Caprini, e il prefetto Sandro Lombardi. Con la benedizione di monsignor Sergio Denti.

«Il centro informativo Aspef rivestirà un ruolo importante per semplificare la vita ai cittadini, anziani e non solo, che necessitano di prestazioni socio sanitarie per sé o per i propri cari – assicura Buvoli – Con questo nuovo servizio, quindi, rispondiamo concretamente ad una necessità espressa dall’utenza». Sottolinea il vicesindaco la posizione strategica dell’Info Aspef, «a ridosso del centro, adiacente alla farmacia comunale, comodo da raggiungere e con un proprio parcheggio. Cosa sarebbe la nostra città senza istituzioni, come Aspef il cui unico interesse è quello di prendersi cura delle fragilità che in ogni comunità esistono? Sarebbe certamente una città meno giusta e una comunità meno coesa. Perché l’impegno che Aspef, e con essa il Comune, promuove ogni giorno è tenere insieme l’attenzione alla persona e il destino dell’intera comunità».

Il personale della nuova struttura è già stato formato per dare indicazioni a tutti i cittadini, che, colpiti da una necessità sanitaria o sociale, si trovano disorientati. —


 

I commenti dei lettori