In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Stop al taglio della coda: scatta la formazione per gli allevatori di suini

Il Ministero della Salute ha diffuso, nei mesi scorsi, il piano nazionale per prevenire il ricorso al taglio delle code negli allevamenti suini

1 minuto di lettura

MANTOVA. Il Ministero della Salute ha diffuso, nei mesi scorsi, il piano nazionale per prevenire il ricorso al taglio delle code negli allevamenti suini. Confagricoltura, insieme all’Ats Valpadana, in dicembre organizza due corsi di formazione per tutti gli allevatori, che prevedono il conseguimento finale di un attestato rilasciato da Eapral, l’ente di formazione accreditato a Regione Lombardia, e la trasmissione dei nominativi dei partecipanti al Ministero. Il primo corso è fissato per il 3 dicembre, dalle 9 alle 13, mentre il secondo appuntamento sarà il 12 dicembre, sempre dalle 9 alle 13, con iscrizione (obbligatoria) entro il 25 novembre.

I corsi, obbligatori per tutti i suinicoltori, si svolgeranno nella sede di Confagricoltura, in via Fancelli, e avranno un costo di 20 euro ciascuno. Il piano d’azione previsto per l’Italia, per cercare di prevenire il ricorso al taglio della coda dei suini, prevede, oltre al percorso formativo, anche una fase di valutazione del rischio in allevamento, fatta dall’allevatore in cooperazione con il veterinario. A gennaio scatterà, invece, la seconda fase: tutti gli allevamenti dovranno cominciare a introdurre piccoli gruppi di suinetti con code non tagliate. I corsi sono aperti a tutti. Info: 0376/330756. —


 

I commenti dei lettori