I comitati anti autostrada scrivono alla Regione: vogliamo dire la nostra

Proteste di alcuni anni fa sul caso Mantova-Cremona

Gli ambientalisti chiedono un incontro anche a sindaci  e presidenti delle due Province. Intanto Morselli convoca gli Stati generali per il 21

MANTOVA. Autostrada Mantova-Cremona: all’indomani del tavolo in Regione che pare aver aperto la strada a un’opera attesa da 16 anni, il presidente della Provincia Beniamino Morselli ha già convocato gli Stati generali mentre il coordinamento dei comitati e delle associazioni ambientaliste chiede di poter dire la sua.

In vista del prossimo tavolo sulle infrastrutture delle due province, convocato a Milano per il 22 gennaio, il 21 dicembre alle 14.30 a Palazzo di Bagno si terrà il nuovo vertice con categorie economiche, sindacati, eletti in Regione e al Parlamento e i sindaci interessati come quelli di Bozzolo, Mantova, Borgo Virgilio, Curtatone, Castellucchio, Bagnolo, Viadana e Marmirolo. All’ordine del giorno: il quesito posto dal presidente della Regione Attilio Fontana sulla priorità o meno dell’autostrada Mantova-Cremona rispetto ad altre infrastrutture.


Intanto il coordinamento dei comitati ambientalisti chiede un incontro urgente al presidente della Regione, all’assessore regionale alle infrastrutture, trasporti e mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, ai presidenti delle province di Mantova e Cremona, ai sindaci di Mantova, Cremona, Casalmaggiore, Bozzolo nonché a presidente e vicepresidenti dell'assemblea dei sindaci del territorio Oglio Po cremonese e mantovano.

«Il dibattito svoltosi in occasione del recente “Tavolo regionale sulle opere infrastrutturali del territorio di Mantova e Cremona”, focalizzato sul progetto dell'autostrada Cremona-Mantova, apre, all'interno delle istituzioni e delle comunità dei territori interessati da questa infrastruttura, una nuova e importante fase di confronto - si legge nella lettera spedita ieri - È in questo contesto, e in previsione del nuovo tavolo regionale fissato per il 22 gennaio che chiediamo la vostra disponibilità ad incontrare una nostra delegazione, al fine di poter rappresentare le nostre valutazioni, istanze e proposte su di un tema, quello delle infrastrutture legate alla mobilità, che riteniamo di fondamentale importanza per il futuro dei nostri territori, e alla luce degli impegni internazionali, sottoscritti anche dal nostro paese, per contrastare la grave crisi climatica in atto».

Del coordinamento fanno parte, tra i altri, i Comitati contro le autostrade Cr-Mn e Ti-Bre, legambiente, Condotta Slow food Oglio Po, Lega di Cultura di Piadena, Comunità “Laudato Sì” città di Viadana. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi