Mantova, scoppia la protesta dei medici pendolari: «Al Poma in ritardo, ormai è la regola»

Quattro colleghi arrivano ogni giorno in treno da Milano e Lodi. Il chirurgo costretto a farsi sostituire al volo in sala operatoria