In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Caro affitti, il bonus casa scatta per altri 19 giovani

Nuovo contributo di 4mila euro per aiutare single o coppie a pagare il canone. In due anni 46 beneficiari. Sindaco e assessore: «La città ha bisogno di loro»

Monica Viviani
2 minuti di lettura

MANTOVA. Via libera da oggi al quarto bando “Bonus housing 4 young” promosso dal Comune. Vale a dire: contributi di 4mila euro per aiutare altri 19 giovani (single o coppie) a pagarsi l’affitto. In cambio via Roma chiede almeno 50 ore, in un anno, di volontariato per associazioni o enti che operano sul territorio e la restituzione a rate di 1.800 euro, mentre i restanti 2.200 euro sono a fondo perduto. «Siamo la giunta più giovane della storia di Mantova e vogliamo fare la differenza per le nuove generazioni - dichiara il sindaco Mattia Palazzi - invece della solita retorica noi i giovani li portiamo a vivere e studiare a Mantova. Grazie al nostro bando sono già 46 i nuovi residenti giovani in città e altri 19 li assegneremo entro febbraio. Mantova ha bisogno di giovani come il pane». «Le politiche abitative – aggiunge l’assessore per il diritto alla casa Nicola Martinelli - sono uno strumento innovativo per facilitare ai giovani non solo l'accesso a un bene primario come la casa ma anche per acquisire autonomia ed indipendenza».

IN DUE ANNI AIUTI PER 46

Il primo bando è stato aperto dal 15 al 31 maggio 2017, il secondo dal 1° settembre al 3 novembre 2017, il terzo dal 14 giugno al 2 luglio 2018. Su 61 richieste (17 respinte e 13 ritirate) ne sono state finanziate 31 per un totale di 46 beneficiari di cui 16 single (7 maschi e 9 femmine) e 15 coppie (6 con figli e 9 senza figli). L’età media è di 31 anni: 30 per i single e 32 per le coppie. In 12 abitavano già a Mantova, 10 in Comuni della provincia (Bigarello, Curtatone, Porto Mantovano, Bagnolo San Vito, Castelbelforte, Suzzara e Goito), 9 arrivavano invece da fuori provincia (Bari, Milano, Cosenza, Taranto, Ischia, Reggio Calabria, Lamezia Terme,Cagliari e Verona). Le associazioni ed enti per i quali hanno svolto volontariato sono: Caritas, Casa San Simone, Canile, Colibrì, Arci Salardi, Villaggio Sos, Arcigay La Salamandra, Il Mappamondo, Croce Verde, Avis, Associazione carcere, associazione Borgo Angeli, Servizi sociali del Comune, Giovani con diabete, Musicainsieme. Nel progetto sono stati impegnati contributi e fondi di Regione e Comune per 200 mila euro e quelli erogati finora ammontano a 124mila euro. La rata media mensile per la restituzione è di 150/180 euro e non sono state riscontrate morosità.

C’E' POSTO PER ALTRI 19

Il nuovo bando rimarrà aperto fino al 31 gennaio, con possibilità di perfezionamento della documentazione fino al 28 febbraio. Il fondo a disposizione è di 76 mila euro che corrisponde a 19 nuovi beneficiari. I candidati non possono avere più di 35 anni e devono sottoscrivere (o aver già dal 1° gennaio scorso) un contratto di affitto in città. Le coppie, anche con figli, devono essere sposate, conviventi o iscritte nel registro delle unioni civili, e la somma delle età non deve superare i 70 anni. Altri requisiti: Isee non superiore a 40mila euro, contratto di lavoro a tempo indeterminato o semestrale con retribuzione mensile netta di almeno 800 euro per il singolo e mille euro per la coppia. Per informazioni e candidature: l’agenzia per l’abitare del Comune si trova nella sede di Aster in via Imre Nagy (0376 265505/10/13; info.bonushousing@aster.mn.it ).




 

I commenti dei lettori