Contenuto riservato agli abbonati

Il paradosso del caffè Sociale a Mantova, prescrizione doppia: senza tavolini 3 mesi e via un ombrellone

La Sovrintendenza impone entrambe le soluzioni proposte dal gestore Marco Gialdi. Lui: «Erano alternative». Per l’azienda oltre 5mila euro di spese 

MANTOVA. Doveva essere la soluzione che avrebbe messo d’accordo tutti: gestore dell’antico Caffè Sociale appena riaperto, Sovrintendenza e una città che ha visto intere generazioni crescere tra quei tavolini a cui non vuole proprio rinunciare. Ma non è andata così. Stando a quanto si legge nel parere definitivo delle Belle Arti , se Marco Gialdi vorrà mantenere il plateatico in piazza Cavallotti dovrà attenersi a una serie di prescrizioni che si limita a definire «molto limitanti».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Mantova-Renate, soddisfatto mister Lauro: "Buona prova dei miei"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi