In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Ritratto di gentiluomo”: il manierista viadanese Bedoli all’asta da Sotheby’s

La prestigiosa casa d’aste newyorkese mette in vendita un’opera del grande pittore viadanese

Riccardo Negri
1 minuto di lettura

VIADANA. La prestigiosa casa d’aste newyorkese Sotheby’s mette all’asta un’opera di Girolamo Mazzola Bedoli, il grande pittore manierista viadanese. Si tratta di un “Ritratto di gentiluomo”, olio su tela di 82x63 centimetri. Il valore del dipinto, attualmente di proprietà di un collezionista americano, è stimato tra i 200 e i 300mila dollari (quasi 260mila euro). I potenziali acquirenti possono già registrarsi al sito internet di Sotheby’s per formulare la loro offerta.

L’aggiudicazione sarà il 30 gennaio 2019, nell’ambito di un pomeriggio dedicato ai “Maestri della pittura”. Nato a Viadana intorno al 1505 e morto a Parma nel ‘69, il Bedoli fu cugino e collaboratore del Parmigianino. «Il “Ritratto di gentiluomo” - scrivono i critici della casa d’aste - esemplifica tanto i debiti del Bedoli all’arte del Parmigianino quanto i tratti della sua peculiare personalità». Il dipinto è presumibilmente databile attorno al 1540 -’45. L’identità del gentiluomo è ignota, «ma il Bedoli riesce a suggerirne chiaramente il carattere. Diversamente dagli altri suoi soggetti ritratti seduti, che guardano di lato, qui il gentiluomo fissa direttamente l’osservatore, con uno sguardo allo stesso tempo severo e benevolo. La posizione delle mani conferisce un certo senso di distacco e dignità. L’abito, così come la posa, lascia intuire che il gentiluomo esercitasse la professione legale». Sotheby’s segnala che il ritratto è stato ufficialmente attribuito al Bedoli come autografo dallo storico David Ekserdjian, nel corso di un convegno che si è tenuto a Viadana nel maggio del 2017.

I commenti dei lettori