Contenuto riservato agli abbonati

La Cgil rilancia l'allarme merci pericolose: «I treni fuori da Mantova»

Sono 30 i convogli che ogni giorno attraversano la città con il loro carico: «Aspettiamo una linea alternativa da decenni, ora la crisi ha ridotto i controlli»

MANTOVA. Il problema è antico, l’ansia sempreblù. La paura di una città d’arte e d’industria attraversata ogni giorno (e ogni notte) da una trentina di treni merci. Cisterne cariche di stirene e benzene, solo per citarne due: merci pericolose che fendono Mantova come una freccia avvelenata. Brutta bestia, l’ansia, diluita per quieto vivere nell’abitudine. Il battito torna ad accelerare durante le simulazioni di emergenza, quando alla stazione del Frassine suona la sirena e si recita il copione dei soccorsi, fondamentale, certo, ma è solo un’esercitazione.

E

Video del giorno

Esame di maturità 2022 al Fermi di Mantova, è il turno degli orali

La guida allo shopping del Gruppo Gedi