Contenuto riservato agli abbonati

Processo Pesci bis: «Pene più severe, nel Mantovano parte della cosca»

Deanna Bignardi moglie di Rocca, al centro, durante un'udienza

La Procura generale affonda il colpo e ribadisce: «Anche la moglie del luogotenente aveva un ruolo». Chiesto l'inasprimento delle condanne per tutti e la cancellazione delle assoluzioni

BRESCIA. «Deanna Bignardi, e i parenti di Nicolino Grande Aracri facevano parte della cosca della ’ndrangheta». Fermi nella loro convinzione, Claudia Moregola e Paolo Savio, non abbassano il tiro e tornano a chiedere ai giudici le stesse condanne, severe, del primo grado. È un finale prevedibile, questo, arrivato al terzo giorno della requisitoria in cui la Procura generale ha ricostruito, passo dopo passo, l’aggressione del clan dei cutresi ai cantieri mantovani.

Video del giorno

Processo Depp, Kate Moss smentisce Heard: “Non mi ha mai picchiata durante tutta la relazione”

La guida allo shopping del Gruppo Gedi