Provincia, dal Governo 4 milioni per strade e scuole più sicure

I Cinque stelle: l’ente può ritornare pienamente operativo.  Il presidente Morselli: ora decideremo dove spenderli



MANTOVA. Arriva dai Cinque Stelle mantovani la conferma che il Governo giallo-verde M5S-Lega ha destinato, per quest’anno, 4 milioni di euro per la Provincia, da utilizzare per la messa in sicurezza di strade e scuole. Lo stanziamento fa parte dei 250 milioni di euro inseriti nella Legge di bilancio 2019 e costituisce «quella parte di risorse che le Province avranno a disposizione in maniera stabile dal 2019 al 2033, per uno stanziamento complessivo di 3,75 miliardi di euro» osservano il consigliere regionale Andrea Fiasconaro e il deputato Alberto Zolezzi.


In un comunicato, i due esponenti del Movimento Cinque stelle aggiungono: «Negli anni passati abbiamo assistito a una diminuzione della spesa per la manutenzione di strade e di scuole. Quest’anno solo nella Provincia di Mantova saranno previste risorse per un ammontare di circa 4 milioni di euro. Finalmente si iniziano a ripristinare i fondi tagliati nelle province, la cui corretta operatività è stata precedentemente messa in ginocchio a partire dal Governo Monti e definitivamente con la legge Delrio».

Per l’amministrazione di Palazzo di Bagno la notizia dello stanziamento non è nuova. Era già contenuta nella lettera che il 24 gennaio scorso, subito dopo la conclusione della conferenza Stato-città-autonomie locali, il presidente dell’Unione Province italiane, Achille Variati, aveva inviato al presidente mantovano Beniamino Morselli.

Nella missiva vi era indicata la cifra, al centesimo, che sarebbe toccata all’ente virgiliano per il 2019, 3. 895.645,87 euro, da utilizzare per «piani di sicurezza a valenza pluriennale per la manutenzione di strade e scuole senza alcun vincolo finanziario».

Variati scriveva anche che si trattava di risorse «non ancora sufficienti ad assicurare la piena efficienza dei servizi, ma rappresentano, da qui al 2033, una voce stabile nel bilancio dello Stato, portando negli anni a venire a una misura strutturale che consentirà ai nostri enti di tornare finalmente a proseguire gli interventi e di uscire dalla fase di incertezza che ha caratterizzato gli ultimi anni».

Ora si apre la partita dell’utilizzo di quei circa 4 milioni di euro. Morselli, innanzittutto, esprime «apprezzamento» per questo finanziamento statale: «Vedremo nei prossimi giorni dove indirizzare quei soldi rimanendo nell’ambito degli interventi per la sicurezza stradale e per quella degli edifici scolastici. Certo - dice a mò di battuta - abbiamo solo l’imbarazzo della scelta».

L’ultimo bilancio di Palazzo di Bagno prevede di spendere per le scuole quasi 23 milioni solo quest’anno, mentre altri 4,2 milioni sono per le opere in corso. Sul fronte stradale, il bilancio 2019 riporta 2,7 milioni di euro per la manutenzione ordinaria delle strade e altri 4 milioni per quella straordinaria.

Complessivamente, le opere stradali in progettazione quest’anno ammontano a 30 milioni 112 milioni di euro. Solo per i nuovi asfalti sono previsti 10 milioni di euro. In corso ci sono opere per 86 milioni di euro, tra cui il nuovo ponte sul Po a San Benedetto, la tangenziale di Guidizzolo e la Pope, oltre ad interventi di manutenzione un po’ ovunque. —
 

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi