Libera parte civile: «La cosca condizionò le attività economiche»