In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il Secchia supera i nove metri, allerta sugli argini per la piena

In campo Aipo e Comuni, ma il colmo è smorzato dalle tracimazioni a monte. Esordisce la Protezione civile Terre dei Gonzaga. Trovato un presunto disperso

Francesco Romani
1 minuto di lettura

QUISTELLO. Il fiume Secchia, ingrossato a monte dall’eccezionale pioggia (250 millimetri in un giorno) caduta sui crinali appenninici e da quella di pianura (oltre 30 millimetri sabato), ieri domenica 3 febbraio  ha superato all’idrometro di Bondanello la quota di nove metri sullo zero.

Un picco raggiunto velocemente in appena 36 ore, partendo da una situazione di secca appena due giorni prima. L’enorme quantità di acqua che si è riversata da monte era effetto dell’innalzamento della temperatura in quota che ha fatto piovere sulla neve, provocandone lo scioglimento anticipato. Nella discesa a valle, il muro d’acqua ha letteralmente fatto impazzire gli strumenti di misura.

[[(gele.Finegil.Image2014v1) 01CAAPE4X16004-H_WEB]]

Per precauzione ponti e strade nel modenese sono stati chiusi. Nel Mantovano, ultimo tratto del fiume appenninico, i livelli si sono innalzati repentinamente a partire da mezzogiorno di sabato. Il culmine è stato raggiunto nella nottata fra domenica e ieri quanto, dopo le 20, si è superata la quota dei 9 metri, fermandosi a tre metri dal record storico.

[[(gele.Finegil.Image2014v1) 01CAAPE4X16004-F_WEB]]

Ma con una crescita repentina di oltre 7 metri in un giorno e mezzo. Non c’è stata necessita di evacuare i circa 100 residenti nelle golene. Impegnati per tutta la giornata e la nottata di ieri gli uomini della protezione civile, dell’Aipo (l’Agenzia interregionale per il Po) e dei Comuni di Moglia, Quistello e Bondanello. Oltre agli uomini della protezione civile di San benedetto, ha fatto il suo esordio la nuova “Terre dei Gonzaga” nata dalla fusione delle precedenti protezioni civili Delta ed Eridano. In serata si è diffuso timore per una bici da uomo trovata con fanale acceso sul ponte di Quistello. Intervenuti i carabinieri per il timore di un posuicidio. Ma si trattava di un uomo con problemi che è stato trovato sotto il ponte e portato in ospedale a Pieve.

I commenti dei lettori