Stop a don Angelo Bisi: l’annuncio alla messa accolto con freddezza

MOTTEGGIANA. «Il vescovo è padre e ha una visione delle parrocchie. Pertanto, per il bene di questa comunità, da oggi don Angelo non è più amministratore di Villa Saviola. L’incarico è stato affidato a don Paolo Gibelli».

Tutto come da copione. Ad ufficializzare il provvedimento nei confronti di don Angelo Bisi, che per il momento resta parroco di Motteggiana, è stato il vicario generale don Libero Zilia al termine della messa delle 9.30 di ieri, che ha celebrato nella chiesa dedicata a San Michele Arcangelo a Villa Saviola.


La notizia è stata accolta dalla comunità con una certa freddezza: non ci sono stati commenti particolari, né pro, né contro, la decisione del vescovo Marco Busca.

Alle 10.30 don Angelo Bisi, nella chiesa di Motteggiana, ha celebrato la messa, molto partecipata anche da giovani e anche da alcuni saviolesi che non sono andati alla funzione nella chiesa di Villa Saviola.

La sensazione è che sulla querelle vescovo Busca-don Angelo Bisi la comunità sia divisa. Alcuni fedeli non hanno condiviso il metodo adottato dalla curia e altri si sono chiesti perché il vescovo non sia «mai andato di persona a Villa Saviola a verificare la situazione» e abbia invece «preferito credere alle voci di persone a cui non piaceva il modo di operare di don Angelo Bisi».

Il segnale che qualcosa stesse cambiando a Motteggiana è arrivato quando il vescovo ha ordinato di non celebrare più la messa di guarigione che si svolgeva ogni primo martedì del mese e che ora si tiene al santuario delle Grazie.

Nonostante tutto, il sagrestano della chiesa di Villa Saviola ha poi confermato, per lunedì 11 febbraio, la festa della Beata Vergine di Lourdes che la comunità saviolese celebra da 95 anni. Questo il programma: alle 9 la messa; alle 11 la messa solenne; alle 15 la recita del Rosario; alle 15.30 la processione eucaristica per le vie del paese. Al termine, solenne benedizione. La festa sarà preceduta dal triduo di preghiera durante la messa del mattino alle 9 nelle giornate di giovedì 7, venerdì 8 e sabato 9.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi