Tolto l’albero killer, non c’è bisogno di ulteriori perizie

Via i pezzi di tronco al giardino di via Val d'Ossola dove nel giugno del 2016 morì una donna

MANTOVA. Sono stati rimossi in queste ore i pezzi di tronco, tagliato tempo fa, della pianta che nel giugno del 2016 ai giardini di via Val d’Ossola ai Due Pini cadde e uccise una donna che aveva appena parcheggiato la sua auto. Pavlina Hirapi, 57 anni, morì sul colpo.

La donna aveva parcheggiato la sua Volkswagen Polo davanti ai giardini. Aveva avuto appena il tempo di aprire la portiera quando era stata travolta da un albero ammalorato, dal fusto asimmetrico. L'inchiesta penale, che puntava a determinare eventuali responsabilità nella morte della donna, si è chiusa con l’archiviazione da parte del giudice, che aveva fatto propria la richiesta del pubblico ministero. Ora prosegue soltanto il procedimento in sede civile.


In queste ore i pezzi di tronco sono stati rimossi dalla Tea perché probabilmente, nell’ambito della causa civile, non c’è bisogno di ulteriori perizie sull’albero.

 

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi