Contenuto riservato agli abbonati

Festa a Coverciano: i ragazzi con l’X Fragile incontrano Mancini

Nella delegazione anche Antonio con il papà Alberto. La mamma: «La vera terapia per i nostri figli è la relazione con gli altri»

MANTOVA. Una cura non c’è, anche se si continuano a testare farmaci capaci di agire sui sintomi: l’unica, autentica terapia per la sindrome X Fragile resta quella della socializzazione, della relazione con gli altri. Insieme alla premura ostinata dei genitori, all’impegno per rovesciare ostacoli e prospettive. Così Donatella Bertelli, già presidente nazionale dell’associazione Sindrome X Fragile, oggi referente territoriale per la provincia di Mantova, dove si contano una decina di casi e una squadra di ottanta volontari.

L’occasione per tornare a parlare dell’associazione, della battaglia quotidiana dei genitori e delle piccole, grandi conquiste dei figli, è offerta da un incontro eccezionale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

La Palma, il drone riprende il fiume di lava che si fa largo tra le case

La guida allo shopping del Gruppo Gedi