Alla Golden Lady via ai contratti di solidarietà

L’ammortizzatore scatta nello stabilimento di Casalmoro, ma rischia anche quello di Castiglione delle Stiviere

MANTOVA. Contratti di solidarietà alla Golden Lady, nuovo piano industriale alla Csp, via ai licenziamenti al calzificio Franzoni in fallimento, rifatto l’accordo per la cassa integrazione straordinaria per i dipendenti di Mura non assorbiti da Intimeri. Dopo un 2018 definito dai sindacati l’anno peggiore di sempre, il 2019 rischia di finire anche peggio per il settore tessile dell’alto mantovano. E se le segreterie di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil non nascondono la loro preoccupazione, le ultime novità dalle aziende rappresentano una triste conferma.

Golden Lady


Si è tenuto mercoledì l’incontro tra azienda e sindacati in Confindustria durante il quale è stato confermato quanto era già nell’aria, vale a dire l’avvio dei contratti di solidarietà a causa di una stagnazione degli ordini. L’ammortizzatore verrà intanto utilizzato nello stabilimento di Casalmoro che conta 350 dipendenti. Non è escluso possa essercene bisogno anche a Castiglione delle Stiviere (oltre 500 lavoratori) dove sembra che la cassa integrazione ordinaria avviata nei mesi scorsi non abbia dato i risultati sperati.

Csp

Terminerà il 4 maggio la cassa integrazione ordinaria iniziata il 4 febbraio scorso per 90 dipendenti su 255 di Csp International a Ceresara. Intanto alla luce dei risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2018, il consiglio di amministrazione ha approvato un nuovo piano industriale per il 2019-2023 che rispetto al precedente «evidenzia - si legge in un comunicato stampa dell’azienda - più moderate prospettive di crescita organica e di profittabilità nel breve e medio termine alla luce del mutato scenario di riferimento resosi evidente nel corso del secondo semestre 2018 e caratterizzato da stagnazione dei consumi, forte contrazione dei mercati di riferimento e fattori climatici divenuti oramai strutturali». Il nuovo piano industriale si basa sulle seguenti linee guida: espansione internazionale dei brand e dei relativi business; razionalizzazione ed efficientamento delle divisioni produttive; new concept store per i brand di gamma alta come Luna di Seta, Oroblù e Perofil; investimenti in ricerca e sviluppo con focus su ecosostenibilità: investimenti in marketing con focus su vendite online, social network, comunicazione digitale; nuove collezioni orientate alle categorie merceologiche in tendenza. Per quanto riguarda i risultati preliminari dell’esercizio 2018, i ricavi netti sono stati pari a 111,6 milioni di euro, in calo del 6,8% rispetto al dato 2017 . Il margine operativo lordo consolidato è stato nell’ordine di 2,6 milioni di euro, rispetto ai 6,3 milioni dell’esercizio precedente. La posizione finanziaria netta rimane positiva e si attesta a circa 6 milioni di euro rispetto ai 5,6 milioni al 31 dicembre 2017.

Mura

Si è tenuto a inizio settimana il tavolo con sindacati, azienda e curatore fallimentare al ministero del Lavoro per la continuità della cassa integrazione straordinaria, per 14 dipendenti del calzificio Mura di Asola, rimasta “congelata” a seguito del fallimento. Fallimento che risale al 17 gennaio scorso e che aveva fatto seguito all’affitto del ramo produttivo del calzificio alla ditta bresciana Intimeri che ha assorbito 12 su 31 dipendenti. La prima adunanza dei creditori per l’esame dello stato passivo è stata fissata per il prossimo 22 maggio alle 9.50. I creditori e chiunque vanti diritti su beni in possesso della società hanno tempo fino al 22 aprile per presentare le domande di insinuazione nel fallimento. Tra loro figurano anche dipendenti a cui mancano diverse mensilità di stipendio.

Franzoni

Sono arrivate infine in questi giorni le prime lettere di licenziamento per le 25 lavoratrici del calzificio Franzoni di Casaloldo rimaste a casa dopo il fallimento dell’azienda a febbraio. Nella drammaticità della situazione, questo passo consentirà loro almeno di accedere alla Naspi. La disoccupazione. —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi