Ok le bollicine Garda. E la Prendina lancia il “Cuvée Maison”

Spumante metodo classico con le uve di Monzambano

VERONA. Una novità tutta mantovana è stata presentata dall’azienda Prendina di Monzambano, della famiglia Piona: è il Garda Doc spumante Cuvée Maison metodo classico, uvaggio di Chardonnay, Pinot Bianco e Corvina, con 12 mesi sui lieviti (ma l’obiettivo è arrivare a 18). Un’operazione che rientra pienamente nella filosofia alla base delle recenti mosse del consorzio Garda Doc, presieduto proprio da Luciano Piona: identificare la denominazione Garda con un vino di buona qualità ma di prezzo accessibile che si inserisca nell’ampio settore dei bianchi spumanti, senza la pretesa di rivolgersi ai gourmet. «Ormai si parte con lo spumante e si passa direttamente al rosso, limando lo spazio per i vini bianchi» rileva Piona. L’operazione Garda sembra un grande successo: «Quest’anno sono stati rivendicati 400mila quintali di uve, una crescita del 20%» spiega il presidente.
 

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, quinta votazione a Montecitorio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi