In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mantova, turisti in attesa: il meteo rallenta le prenotazioni

Gli albergatori restano fiduciosi: «La Pasqua non parte fortissimo, ma alla fine arriveremo al tutto esaurito»

Barbara Rodella
1 minuto di lettura

MANTOVA. L’incertezza meteo si fa sentire e sta mettendo a rischio il tutto esaurito di Pasqua. Ma le prenotazioni sono buone e i rappresentanti delle associazioni di categoria sono fiduciosi. Al di là della questione meteo, sembra che in molti abbiano deciso di annullare la tradizionale Pasqua fuori porta e posticipare di qualche giorno il viaggio sfruttando i ponti del 25 aprile e del Primo maggio.

«La Pasqua, a causa del maltempo, non parte fortissimo. Ma alla fine arriveremo ad avere, come ogni anno, un ottimo afflusso e magari il tutto esaurito – prevede Gianluca Bianchi, presidente di Federalberghi – Tanti sceglieranno il last-minute. Solo i gruppi chiamano per fermare la camera con largo anticipo. Le strutture più gettonate sono quelle in centro. E in molti stanno scegliendo di visitare la nostra città soggiornando da giovedì 25 aprile fino a sabato 27. C’è poi un periodo di calma da domenica 28 a martedì 30 per poi tornare ad avere il boom col ponte del Primo maggio. Quest’anno ci sono degli ottimi ponti e sono già partite le prenotazioni».

I turisti sono per lo più italiani, soprattutto dal Nord Italia e a seguire dalle regioni del Centro, ma ci sono anche stranieri, tedeschi, francesi e inglesi. Chi visita la città per Pasquetta, quest’anno potrà ammirare Palazzo Ducale. Le sue porte saranno aperte. Una scelta che rende felici gli albergatori. «Un grazie va allo staff e alla direzione – continua Bianchi – Ma non ci trovo nulla di speciale. È una scelta di buon senso. Come le strutture alberghiere rimangono aperte quando le persone viaggiano, così le bellezze artistiche dovrebbero accogliere i turisti nei periodi con maggior movimento».

«Per Pasqua e 25 aprile, tradizionalmente, la gente aspetta l’ultimo momento per prenotare per avere la certezza del meteo – gli fa eco Roberto Tebaldini, referente sezione Assohotel Confesercenti – Al momento ci sono ancora camere disponibili, ma se le previsioni sono buone si andrà verso l’esaurimento. Come tutti gli anni i ponti saranno positivi, non credo ci saranno sorprese in negativo».

Anche gli agriturismi temono che la pioggia possa fermare gli amanti della natura. «Queste perturbazioni stanno incidendo sulle prenotazioni: mancano le conferme definitive – dice Marco Boschetti, presidente del Consorzio agrituristico mantovano – Le previsioni meteo annunciano pioggia. Complessivamente comunque il bilancio è positivo. Per Pasqua abbiamo soprattutto famiglie attratte dai pranzi proposti dalle strutture che soggiornano per tre giorni, da sabato 20 a lunedì 22. Bene l’Alto Mantovano grazie alla sua vicinanza col lago di Garda dove la stagione turistica è già partita. A soggiornare, tedeschi, olandesi, israeliani e, da qualche anno, francesi. Ma anche la Bassa sta richiamando persone grazie ai percorsi per gli appassionati della due ruote e della pesca sportiva». 

I commenti dei lettori