Mantova, Rossi e i rapporti con Pro-Gest: «Esprimo solo pareri tecnici»

Il possibile candidato sindaco della Lega replica alle parole del Comitato Rabin: «Nulla da nascondere, la società in cui lavoro opera anche per altre industrie». Il Pd: il Carroccio chiarisca la sua linea sulla questione cartiera

MANTOVA. «Non ho nulla da nascondere e non sono un “difensore” di Pro-Gest. Da tecnico, però, ho voluto dire ciò che ritengo giusto sulla querelle di questi giorni sulla cartiera». Stefano Rossi, ingegnere e possibile candidato sindaco in quota alla Lega (anche se non è tesserato) nel 2020, non ci sta a passare per «una persona che ha interessi da nascondere».



Su Facebook il Comitato del quartiere Rabin (interessato alla vicenda cartiera vista la vicinanza dell’abitato al complesso industriale) ha fatto notare che Rossi «lavora per Progetti srl, del gruppo Comes, che ha gestito installazioni impiantistiche importanti all’interno della cartiera». Rossi, sul social network, ha fatto numerosi post in cui prendeva le parti della Pro-Gest e dell’imprenditore Zago sulla questione cartiera:  anche con video dove affermava di non sentire puzze nei quartieri a ridosso della cartiera.

La domanda di chiarimento non viene fatta al Rossi privato cittadino, ma al Rossi possibile (o probabile) candidato sindaco nel 2020. Non potrebbe essere fonte di imbarazzo la circostanza che un aspirante primo cittadino abbia avuto la proprietà della cartiera come cliente nell’ambito professionale?

«Per nulla - risponde Rossi - perché, come ha detto lei, è una questione meramente professionale. Abbiamo lavorato per molte industrie e i nostri affari si svolgono, nel 90% dei casi, con aziende britanniche. Io non sono un difensore di Pro-Gest e non lavoro per loro. Su Facebook ho espresso semplicemente un parere da tecnico, scientifico. Io non so se sarò candidato sindaco, ma se dovesse accadere non vedo perché dovrei nascondere queste mie opinioni. Non ho mai nascosto cosa faccio di mestiere, l’ho scritto anche in una lettera pubblicata dalla Gazzetta».



In casa leghista la questione viene per il momento classificata come «normali prese di posizione professionali di Rossi, del tutto legittime. Se sarà candidato sindaco, discuteremo non gli alleati la posizione politica da assumere sulla vicenda cartiera. Mi rifaccio alla posizione espressa dalla passata giunta di centrodestra e dal nostro capogruppo Cappellari ( consigliere regionale della Lega e compagna di Stefano Rossi) : favorire gli insediamenti produttivi ma garantendo controlli per il rispetto delle leggi in fatto di emissioni a tutela dei cittadini e dei lavoratori. Zera ha assunto una posizione decisamente più radicale, non concordata con il partito. Cosa avvenuta spesso e non solo su questa vicenda».

Nel 2016 la Lega venne bacchettata dai vertici nazionali del partito che imposero una linea dura: «Battetevi per la Via con i comitati». 

«Qual è la linea della Lega sulla vicenda cartiera? Cosa ne pensa il primo partito del centro destra? Secondo loro, le ordinanze a tutela dei cittadini sono un bene oppure un male?». Lo chiede, in una nota, la segreteria cittadina del Pd. Domande a cui il segretario leghista, Antonio Carra, dà una prima risposta (vedi sopra) in attesa di un approfondimento con la capogruppo Alessandra Cappellari.

I dem, che non fanno alcun riferimento a Stefano Rossi, dicono di essere molto preoccupati «dalle notizie relative agli abusi della Cartiera e dalle sconcertanti modalità di risposta della proprietà. I cittadini hanno segnalato gravi problemi e manifestato i loro giusti timori. Un progetto industriale così importante deve essere al di sopra di ogni dubbi».

La nota appoggia le ordinanze emesse dal sindaco Palazzi. « Nel 2014, il Comune, allora governato dal centro destra, con un sindaco di Fi e un vice della Lega, diede il benestare al rinnovo AIA, che confermava l’inceneritore per 80mila tonnellate,. Al contrario, la nostra amministrazione è riuscita a portare questa quantità a trentottomila tonnellate».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il calciatore del Newcastle regala un Rolex a un tifoso: la reazione è esilarante

La guida allo shopping del Gruppo Gedi