Sfrattati, disoccupati e genitori di figli disabili: un’umanità dolente