Gli ambientalisti: dalla Corte di giustizia una grossa mano