In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Scappa dalla comunità per trovare la mamma: rintracciato sul treno

Bambino di 11 anni lascia la casa famiglia fuori provincia. Era diretto dalla madre che è agli arresti domiciliari

1 minuto di lettura
(lapresse)

MANTOVA. Voleva solo tornare dalla mamma. Nella sua casa. E non ha avuto paura a scappare dalla comunità protetta fuori dal Mantovano, dove si trova da quando l’hanno tolto alla famiglia. Non ha avuto paura, ad appena undici anni, a percorrere da solo, a piedi, il tratto di strada che separa la casa famiglia dalla stazione e salire sul treno diretto a Mantova.

Voleva solo riabbracciare la sua mamma (che è agli arresti domiciliari in città), tornare a casa e non sentirsi più solo, anche se nella comunità in cui vive non gli manca nulla.

Il capotreno che lo ha visto sul convoglio diretto in città ha dovuto porre fine alla sua fuga: gli ha chiesto perché viaggiasse solo, dove avesse intenzione di andare e da dove proveniva.

È riuscito a farsi dire il nome e a raccontare la sua storia. Messi insieme i dati (il bambino non aveva documenti con sé), il ferroviere ha chiamato gli agenti della polizia ferroviaria.

All’arrivo alla stazione di Mantova, i poliziotti si sono presi cura del piccolo. È stato rintracciato il coordinatore della struttura dalla quale il bimbo era fuggito e a lui è stato riconsegnato.

La vicenda risale a un paio di giorni fa: non si conoscono i dettagli e comunque, coinvolgendo un minore, non potrebbero nemmeno essere raccontati.

Si sa che la madre del piccolo vive a Mantova e che si trova ai domiciliari: il figlio è stato affidato ad una comunità (almeno temporaneamente) e lei non può vedere nessuno, se non su consenso del giudice.

Ma il suo bambino non riusciva a rassegnarsi a stare lontano dalla madre: in un momento di distrazione degli educatori della struttura di accoglienza in cui vive attualmente, ha aperto la porta ed è scappato.

Niente soldi, niente documenti, un bambino di undici anni solo, ma determinato. È stato in grado di raggiungere la stazione e di individuare il treno su cui salire. Per fortuna è stato notato dal capotreno, prima di finire in un guaio o di incontrare qualche malintenzionato. La Polfer ha pensato al resto. —

DM


 

I commenti dei lettori